Roma si tinge con i colori dell’arcobaleno. Il Gay Pride che si tiene oggi, 26 giugno, nella Capitale rientra nel ricco calendario degli eventi, con diverse iniziative organizzate durante il mese dell’orgoglio, il Pride Month.

Dopo lo stop dello scorso anno, a causa della pandemia di coronavirus, la comunità LGBTQ+ e i cittadini romani scendono di nuovo in piazza per rivendicare soprattutto la necessità di premere l’acceleratore sull’approvazione del Ddl Zan, il disegno di legge contro l’omotransfobia fermo al Senato.

TUTTI IN PIAZZA

Appuntamento in piazza Vittorio Emanuele, nel quartiere Esquilino, alle 17, per uno dei momenti più sentiti del mese del Pride Month. Niente sfilate con carri e mezzi a motore tra le vie centrali della Capitale, nel rispetto della normativa anti-Covid: resta obbligatorio per i partecipanti l’uso della mascherina e il rispetto del distanziamento.

“Sfileremo con i nostri corpi, con tutto l’orgoglio e l’entusiasmo che ci accompagna fino a piazza della Repubblica”, si legge nella presentazione Facebook del Roma Pride 2021.

Rispetto alle edizioni passate, l’evento si estenderà su un percorso più breve e soprattutto, secondo le direttive della questura. Potrebbe esserci un cambio di programma se il numero dei partecipanti dovesse essere molto alto: il corteo , infatti, si sposterà fino in piazza della Repubblica.

GLI EVENTI

Sabato 26 giugno, dalle 11 fino alle 2, spazio al “Pride in The Park” al Brancaccino Openair con diverse iniziative. Nella sessa giornata sono inoltre previsti al Teatro Belli, in streaming, “Alan Belli e la mela avvelenata” mentre in presenza, al teatro Lo Spazio, “Anche lei nel suo piccolo parla”.

LOREDANA BERTE’ PER IL PRIDE 2021

Resta alta l’attesa per l’uscita prevista il 28 giugno del vinile di “Traslocando” di Loredana Bertè, prodotto e realizzato da Ivano Fossati. Si tratta della quarta pubblicazione della “70Bertè – Vinyl collection”, per la quale è stata scelta una data importante, ossia il giorno considerato simbolo della nascita del “movimento di liberazione gay moderno”.

Una data che segna un momento storico per la comunità LGBTQ+ mondiale. Nella notte tra il 27 e il 28 giugno 1969 si svolsero a New York dei violenti scontri passati alla storia come “Moti di Stonewall”, che sancirono la formazione del Gay Liberation Front fondato da Craig Rodwell e Brenda Howard.

Il disco, in occasione del Pride 2021, avrà una versione inedita da collezione: “Limited PRIDE EDITION”. “Traslocando” può essere considerato una pietra miliare della musica italiana ed è stato registrato nel 1982 in diversi studi. Inserito dalla rivista musicale Rolling Stone Italia al 24° posto della classifica degli album italiani più belli di sempre, è grintoso e dolce allo stesso tempo. Contiene “Non sono una signora”, dello stesso Fossati (autore di altri 5 brani), manifesto della Bertè, ma anche un vero e proprio inno femminile. Nell’album anche “J’adore Venice”, brano divenuto recentemente famoso in tutto il mondo perché inserito nel film “Call me by your name -Chiamami col tuo nome” che vede al centro della trama proprio un amore omosessuale. Le altre canzoni possono vantare la firma di Maurizio Piccoli (“Per i tuoi occhi”, “Stella di carta”), di Mia Martini (“Notte che verrà”) e di Renato Zero (“Una”).

Andrea Lagatta