Si accende la polemica tra Matteo Salvini e gli ex alleati del Movimento 5 Stelle. A scatenare la nuova ‘battaglia’ politica sono le dichiarazioni dell’ex ministro e leader del Carroccio, che ha annunciato come “nei prossimi giorni ci saranno diversi ingressi nel partito di persone specchiate che hanno lasciato il Movimento e porteranno il loro valore aggiunto”.

La prospettiva di un salto di casacca tra gli eletti pentastellati, che soprattuto al Senato potrebbero provocare guai seri per la tenuta del governo Conte, ha provocato la reazione dura del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Il Guardasigilli grillino è passato infatti al contrattacco: “Salvini è orgoglioso di accogliere i fuoriusciti dai 5Stelle Piuttosto si dovrebbe vergognare di aver accolto i traditori“.

Dietro la risposta piccata di Bonafede c’è il recente passaggio della senatrice grillina Alessandra Riccardi proprio nei banchi di Palazzo Madama occupati dalla Lega, un passaggio che mette a rischio la tenuta della maggioranza. Anche per questo Bonafede bolla come “traditori” i parlamentari fuoriusciti dal Movimento: “Ritengo che quando una persona non vuole stare più in una forza politica deve fare la valigia e dimettersi”, ha sottolineato il ministro.