Doveva essere una serata di festa, con tante famiglie ritrovatesi nello storico ristorante “Da Basilio” in via Luigi Santamaria a Pianura, periferia ovest di Napoli, per celebrare il lunedì di ferragosto. È stata invece una serata di paura, terrore, panico, con genitori bloccati nella sala interna mentre alcuni bambini giocavano all’esterno quando è entrato nel ristorante un uomo armato di pistola.

Erano circa le 23 quando ha chiesto al proprietario di consegnare i soldi presenti in cassa. Alla reazione di quest’ultimo, ha esploso almeno due colpi di pistola (non è chiaro se a salve) verso l’alto, contro il soffitto, seminando il panico tra le persone presenti. Un gesto che non ha intimorito il personale della pizzeria che ha bloccato il malvivente consegnandolo successivamente agli agenti di polizia intervenuti poco dopo.

Forze dell’ordine che hanno anche evitato che l’uomo finisse nel mirino dei clienti presenti. Si tratta di Salvatore Di Maria, 23 anni, residente in via Torricelli e già noto agli archivi di polizia.

Mio figlio giocava a biliardino all’ingresso del ristorante quando il rapinatore è entrato e ha sparato” racconta una madre. “Noi eravamo bloccati nella sala interna e abbiamo temuto il peggio anche perché non potevamo intervenire”.

Signora che poi critica il proprietario che “reagendo ha messo a repentaglio la vita delle persone presenti”. Altri clienti difendono invece il titolare per il “gesto di coraggio di un lavoratore che non voleva perdere l’incasso della serata”.

La nota della Questura di Napoli: 

Ieri sera gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e dei Commissariati San Paolo e Pianura, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti presso una pizzeria di via Luigi Santamaria per la segnalazione di una rapina da parte di una persona armata.
I poliziotti, giunti sul posto, hanno trovato un uomo che, dopo aver tentato di asportare l’incasso dell’esercizio commerciale con la minaccia di una pistola, era stato bloccato dai dipendenti e da altri avventori i quali, dopo una colluttazione, erano riusciti a disarmarlo nonostante avesse esploso alcuni colpi di arma da fuoco.
Un 23enne napoletano con precedenti di polizia è stato arrestato per tentato omicidio, tentata rapina aggravata e porto e detenzione di arma clandestina.
L’arma, una pistola replica marca “Bruni” cal. 9, è stata sequestrata.

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.