Sono 46 le persone trovate senza vita, una ventina invece quelle ferite, all’interno di un camion abbandonato alla periferia di San Antonio, in Texas. 

Si tratta di un gruppo di immigrati illegali, entrati nel Paese dopo un viaggio della disperazione dal Messico. Come riporta il New York Times, quello avvenuto oggi è il peggiore incidente riguardante immigrati degli ultimi anni. Il Texas sta sperimentando una forte ondata di migranti e nelle ultime settimane anche un caldo torrido, che potrebbe forse essere la causa dell’ultima tragedia. I migranti erano stipati in condizioni estreme, senza acqua né aria. Le autorità federali stanno assistendo quelle locali nelle indagini.

A scoprire il furgone gli agenti della Homeland Security Investigation, agenzia specializzata nei casi di traffico di esseri umani. Il capo della polizia locale, William McManus, ha riferito alla stampa che la scoperta del camion abbandonato si deve alla segnalazione di una persona presente in zona, allertata da un urlo di di richiesta di aiuto proveniente dall’interno del mezzo pesante poco prima delle 18 ora locale di lunedì

Scomparso invece l’autista del mezzo, che lo ha abbandonato dopo aver scoperto i corpi senza vita al suo interno.

E’ una tragedia. Ci sono 46 persone che avevano una famiglia e cercavano una vita migliore”, ha detto il sindaco di San Antonio Ron Nirenberg, che pur non specificando la nazionalità dei morti o il numero di minori presenti nel veicolo, ha affermato che si tratta di migranti che avevano attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico.

Nel bilancio finale di 46 morti vi sono anche quattro bambini: dei sedici ricoverati in ospedale, 12 sono adulti e 4 bambini.

Una strage che per il governatore del Texas, il repubblicano Greg Abbott, vede la responsabilità del presidente Joe Biden: “Queste morti sono di Biden: sono il risultato delle politiche mortali dei confini aperti e mostrano le conseguenze del suo rifiuto di attuare la legge“, ha twittato il governatore dello Stato.

La scoperta odierna riporta alla memoria quello simile del 2003, quando 19 migranti illegali furono trovati morti in un camion all’interno del quale la temperatura era salita fino a 78 gradi. Il Texas meridionale è da tempo l’area più trafficata per gli attraversamenti illegali di frontiera. I migranti viaggiano in veicoli attraverso i posti di blocco della Border Patrol fino a San Antonio, la grande città più vicina, e da quel punto si disperdono negli Stati Uniti.

Redazione