La svolta è arrivata nel modo più inaspettato. La caccia al killer di Carolina Bruno e Lorenza Addolorata Carano, Antonio Granata, 61enne marito della prima, si è conclusa infatti col ritrovamento del suo cadavere.

L’uomo è stato trovato impiccato ad un albero poco dopo le 8 di questa mattina a Palagiano, in provincia di Taranto. Lunedì pomeriggio Granata aveva telefonato ai carabinieri dicendo di aver ucciso la moglie e la suocera a coltellate, preannunciando anche la volontà di scappare per suicidarsi.

Carolina Bruno, 65 anni, e l’anziana suocera Lorenza Addolorata Carano, di 91, erano state trovate senza vita in un appartamento del rione San Francesco a Massafra, con diversi fendenti all’altezza della gola.

Una strage avvenuta, a quanto ricostruito, alla fine di un acceso diverbio: la coppia viveva con l’anziana suocera nella stessa abitazione e non aveva figli.

Sul luogo del delitto erano intervenuti i carabinieri del comando provinciale di Taranto, la sezione scientifica dell’Arma e il pubblico ministero di turno presso la procura di Taranto, Marco Colascilla Narducci. Immediate erano scattate le ricerche dell’uomo in tutta la provincia, terminate questa mattina col ritrovamento del corpo senza vita in contrada Marziotta, a Palagiano, comune in provincia di Taranto poco distante da Massafra.

Sulla strada, l’auto usata per la fuga, una Seat Ibiza. L’uomo non aveva precedenti penali e svolgeva lavori in campagna, occupandosi di potature.

Napoletano, classe 1987, laureato in Lettere: vive di politica e basket.