Arrestato e trasferito in un istituto penale per minorenni con la grave accusa di tentato omicidio e lesioni gravi. Un 17enne è stato arrestato alle prime luci dell’alba di oggi, 14 ottobre, dalla Polizia di Stato di Caserta, con gli agenti che hanno eseguito la misura cautelare emessa dal gip presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli su richiesta della Procura partenopea.

Il 17enne, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la sera del 27 giugno scorso nel corso di una festa organizzata nel lido “One Day Beach” avrebbe sferrato più fendenti contro due coetanei per futili motivi legati alla ‘contesa’ di una ragazza.

Ad avere la peggio uno dei due, colpito in parti vitali: il minorenne era stato immediatamente trasportato presso la Clinica Pineta Grande di Castel Volturno per essere sottoposto a due delicati interventi chirurgici.

Il minorenne arrestato questa mattina è stato ‘incastrato’ grazie alle numerosi testimonianze raccolte dalla polizia già al momento della rissa, con l’intervento degli agenti sul posto. Ma a fornire ulteriori indizi di colpevolezza sono stati anche i tabulati telefonici e i vari social network utilizzati dai ragazzi coinvolti nella rissa o semplicemente presenti nel lido durante quegli attimi di follia.

Dopo aver raccolto e trasmesso alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli gli elementi a carico del 17enne, oggi è stata eseguita la misura cautelare nei confronti del giovane, collocato presso il centro di prima accoglienza di Napoli per essere successivamente associato all’istituto penale per minorenni.

Redazione