Balli e drink senza mascherina, assembrati e spensierati. Poi la rissa, con spintoni, pugni, bottigliate e tavolini che volano. È successo ieri in un lido balneare di Licola, frazione di Giugliano, a nord di Napoli. Una rissa nata per motivi ancora da chiarire, ma che – stando alle immagini di alcuni video diffusi sui social network – coinvolgerebbe circa una decina di persone. A farne le spese è principalmente un ragazzo, che viene strattonato, accerchiato e colpito in testa da diversi uomini.

Volano spintoni, calci e qualche tavolo, poi il giovane finisce a terra: uno dei partecipanti alla rissa lo colpisce alla testa con una bottiglia. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine: le indagini sono affidate alla Polizia di Stato, che hanno avviato gli accertamenti per identificare le persone coinvolte, anche sulla base di alcune testimonianze e dei video. A quanto si apprende, si sarebbe trattato dell’epilogo di una discussione nata per futili motivi.

A inizio maggio nello stesso lido Polizia municipale e Carabinieri erano entrati in azione per sgomberare i troppi presenti nella struttura, che in quei giorni era anche sottoposta a sequestro. Diverse centinaia i giovani mandati a casa per far rispettare i distanziamenti, mentre ai proprietari fu contestato il reato di violazione di sigilli.

Napoletano, Giornalista praticante, nato nel ’95. Ha collaborato con Fanpage e Avvenire. Laureato in lingue, parla molto bene in inglese e molto male in tedesco. Un master in giornalismo alla Lumsa di Roma. Ex arbitro di calcio. Ossessionato dall'ordine. Appassionato in ordine sparso di politica, Lego, arte, calcio e Simpson.