Autostrade per l’Italia accelera gli investimenti in manutenzione, portando la capacità di spesa a 500 milioni di euro nei prossimi due anni. Lo si legge in una nota della concessionaria che sottolinea come la decisione sia stata presa per dare corso all’incontro dello scorso 26 novembre tra il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli, e l’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Roberto Tomasi.

La società pubblicherà un bando per attività di manutenzione di un importo di circa 300 milioni di euro da realizzare nel prossimo biennio. Inoltre, nei limiti consentiti dalla normativa vigente, chiederà l’autorizzazione al Ministero per affidare circa 200 milioni di euro alla società collegata Pavimental. Nella nota Aspi precisa inoltre che lo sforzo finanziario consentirà di attivare cantieri di lavori in particolare in Liguria, anche in relazione ai prossimi investimenti.

Una mossa, quella della società del gruppo Atlantia, che va letta nel tentativo di salvare le concessioni del gruppo. In teoria la scadenza è fissata al 2042, ma dopo il crollo del ponte Morandi è forte il pressing del Movimento 5 Stelle per revocare l’accordo con la società, accusata da Di Maio e soci di gravi inadempienze nei controlli di sicurezza e manutenzione.