E’ ufficiale: El Salvador è il primo paese al mondo ad aver legalizzato il bitcoin come moneta reale. Il Presidente Nayib Bukele sabato invierà il disegno di legge bitcoin al Congresso, pubblicizzando il suo potenziale per aiutare i salvadoregni che vivono all’estero a inviare rimesse a casa. La spinta del Presidente ha suscitato molte preoccupazioni sulle prospettive sulla collaborazione tra El Salvador e il Fondo monetario internazionale (FMI) ma il dollaro americano continuerà a essere legale e le transazioni in bitcoin saranno per scelta e legate al tasso di cambio del dollaro. L’economia dollarizzata del paese si affida principalmente sul denaro inviato dai lavoratori spatriati. I dati della Banca mondiale hanno mostrato che le rimesse verso il paese ammontavano a quasi 6 miliardi di dollari ed è uno dei rapporti più alti al mondo. Il capo missione del FMI per El Salvador, Alina Carare, ha dichiarato lunedì che il fondo “sta seguendo le notizie e avrà maggiori informazioni mentre continueremo le nostre consultazioni con le autorità“.

I recenti tweet del Presidente Bukele per abbracciare completamente il bitcoin come moneta a corso legale probabilmente complicheranno e ritarderanno ulteriormente le discussioni tecniche del FMI“, ha affermato Siobhan Morden, capo della strategia del reddito fisso in America Latina presso Amherst Pierpoint Securities. “Questo potrebbe riflettere solo un’iniziativa a lungo termine o forse anche solo una appariscente tattica di pubbliche relazioni; tuttavia mostra una mancanza di coordinamento con annunci impulsivi che contraddicono un piano economico coeso“.

Il ministro del Commercio e degli Investimenti Miguel Kattan ha affermato che il bitcoin era già in uso limitato in El Salvador, anche per acquistare lo street food nazionale: pupusas. “La capacità di eseguire operazioni con bitcoin non dovrebbe destare preoccupazione“, ha detto Kattan in una conferenza stampa. Carlos de Sousa, un gestore di portafoglio di Vontobel Asset Management, ha affermato che la spinta al bitcoin è stata una mossa sconsiderata dal Presidente Bukele che cosi facendo ha potenzialmente reso più difficile l’aumento delle entrate fiscali.

Le criptovalute sono nel complesso un modo molto semplice per evitare la tassazione e un modo molto semplice per evitare semplicemente le autorità perché è un sistema completamente decentralizzato, puoi riciclare denaro, puoi fare evasione fiscale e così via – ha detto de SousaIn genere, riceve molte reazioni positive su Twitter e le reazioni a questo sono state tipo ‘Signor Presidente, okay, dove possiamo leggere a riguardo? Cosa significa?’ – quindi le persone davvero non capiscono“.

Infatti Bukele, ha iniziato la sua campagna pro bitcoin anche sui social. Nel fine settimana ha cambiato la sua immagine del profilo Twitter. L’attuale immagine lo ritrae con gli “occhi laser” che sono usati come simbolo dai sostenitori delle criptovalute sui social media. “Infrastrutture satellitari da costruire, aiutando i salvadoregni rurali a connettersi a Internet, e quindi alla rete Bitcoin, in luoghi in cui la connettività terrestre è scarsa. @Blockstream prevede di contribuire con la propria esperienza e tecnologia per rendere la nazione un modello per il mondo, ” ha scritto Bukele su Twitter, in un retweet di un post di Documenting Bitcoin. Justin Sun, fondatore e amministratore delegato di TRON, una società basata su blockchain focalizzata sulla costruzione di un Internet decentralizzato, ha affermato che la sua azienda sarebbe diventata la “prima organizzazione crittografica” a stabilire un ufficio in El Salvador.

Laureata in relazioni internazionali e politica globale al The American University of Rome nel 2018 con un master in Sistemi e tecnologie Elettroniche per la sicurezza la difesa e l'intelligence all'Università degli studi di roma "Tor Vergata". Appassionata di politica internazionale e tecnologia