Lunedì da incubo per tanti pendolari. Nella Stazione di Napoli Centrale, sul tabellone luminoso campeggia la scritta: “Guasti elettrici temporanei”. E a seguire il lungo elenco di treni e annessi ritardi che superano anche i 180 minuti. In centinaia aspettano sulla banchina di conoscere il proprio destino. E monta la rabbia soprattutto per il popolo di pendolari che oggi avrebbe dovuto prendere servizio a scuola.

L’annuncio è stato diffuso a partire dalle 6.30 di questa mattina dagli altoparlanti della stazione centrale di Napoli di piazza Garibaldi dove le partenze sono ancora bloccate. L’intera circolazione su ferro è in tilt a ridosso di uno snodo cruciale per la rete ferroviaria italiana, compresa l’Alta velocità. Ripercussioni notevoli si registrano infatti anche nella stazione Tav di Afragola, dove centinaia di passeggeri sono in attesa di conoscere il loro destino.

Alle 9 Trenitalia annuncia che è in corso l’intervento dei tecnici. I Treni direttamente coinvolti con un maggior tempo di percorrenza fino a 180 minuti sono FR 9406 Napoli Centrale (6:09) – Venezia Santa Lucia (11:34) e FR 9616 Napoli Centrale (6:55) – Milano Centrale (11:35). I treni cancellati sono R 21420 Napoli Centrale (6:42) – Villa Literno (7:25), R 21146 Caserta (6:49) – Napoli Centrale (7:39) e R 5964 Salerno (6:57) – Napoli Centrale (8:17).

In tanti sulle banchine aspettano con gli occhi e le orecchie puntate alle informazioni. La rabbia è tanta e il lunedì è da incubo per i pendolari che non sanno come raggiungere la meta. “Mi hanno detto di prendere un autobus, come faccio ora ad andare a lavoro?”, ha detto una passeggera diretta a Roma. Il disagio è grande soprattutto per il gran numero di insegnanti pendolari diretti in Lazio dove oggi è il primo giorno di scuola. Ma sono in tanti a non essere riusciti ad arrivare in tempo o per niente.

Quanto è accaduto, fa sapere Rfi, ha reso inutilizzabili ben 12 binari di stazione. I tecnici di Rfi intervenuti subito dopo il guasto hanno già “restituito alla circolazione tre binari e sono al lavoro per ripristinare il regolare funzionamento anche degli altri nove, con una prima stima di riattivazione a partire dalle 9.30”. Restano i ritardi, le cancellazioni e le deviazioni delle frecce. Ora si attende che l’intervento dei tecnici possa risolvere la situazione che con il passare delle ore sta diventando sempre più drammatica.

Giornalista professionista e videomaker, ha iniziato nel 2006 a scrivere su varie testate nazionali e locali occupandosi di cronaca, cultura e tecnologia. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Tra le varie testate con cui ha collaborato il Roma, l’agenzia di stampa AdnKronos, Repubblica.it, l’agenzia di stampa OmniNapoli, Canale 21 e Il Mattino di Napoli. Orgogliosamente napoletana, si occupa per lo più video e videoreportage. E’ autrice del documentario “Lo Sfizzicariello – storie di riscatto dal disagio mentale”, menzione speciale al Napoli Film Festival.