La follia no vax trova sempre più spesso il suo viatico sui social network. Messaggi di odio che talvolta si trasformano in vere e proprie minacce soprattutto contro il governo. Per questo motivo la Polizia Postale ha intensificato i controlli di tutta la rete. L’ultima operazione ha portato alla scoperta di un canale telegram con circa trentamila iscritti che divulgava messaggi di odio e teorie complottiste.

La polizia postale e delle comunicazioni, su delega del procuratore della Repubblica, nell’ambito del monitoraggio informativo della rete Internet connessa all’attuale mobilitazione contro le misure adottate dal Governo per il contenimento della pandemia da Covid-19, ha rilevato la pubblicazione di numerosi messaggi d’odio, ispirati da teorie complottiste ‘No Vax’.I poliziotti hanno in particolare individuato un canale Telegram, caratterizzato dalla presenza di numerosi messaggi connotati da ideologie antisemite, da teorie complottiste contrarie ai vaccini, dall’incitamento alla violenza nel corso di manifestazioni pubbliche, nonché da gravi minacce nei confronti di varie cariche istituzionali, tra le quali il presidente del Consiglio Mario Draghi, il presidente Usa Joe Biden e il fondatore della società Microsoft, Bill Gates.

L’amministratore del canale Telegram, originario della provincia di Napoli, ma da tempo domiciliato in Germania per motivi professionali, è stato controllato all’ingresso in Italia all’Aeroporto di Napoli Capodichino, dove era in transito per partecipare alla manifestazione no-vax che si sarebbe svolta a Roma il 15 gennaio 2022, ed è stato sottoposto a perquisizione personale eseguita, su delega del Pubblico Ministero, dal Compartimento polizia postale e dalla DIGOS di Napoli.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.