Dal 6 agosto il Green pass al pari della mascherina sarà lo strumento essenziale per avere accesso a numerose attività soprattutto al chiuso. Si tratta di una certificazione in formato digitale e stampabile emessa dalla piattaforma del Ministero della Salute che contiene un QR Code per verificarne la validità e l’autenticità. Tutte le informazioni e i passaggi da fare sono contenute nell’apposita sezione del sito del Ministero della Salute. Riportiamo di seguito un agile guida di come fare per scaricare e conservare il certificato verde.

Che cos’è il Green Pass?

È una certificazione digitale e stampabile (cartacea), che contiene un codice a barre bidimensionale (QR Code) e un sigillo elettronico qualificato. In Italia, viene emessa soltanto attraverso la piattaforma nazionale del Ministero della Salute. La Certificazione attesta una delle seguenti condizioni: aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (in Italia viene emessa sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale), essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore, essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi. Il certificato è gratis per tutti, in formato cartaceo o digitale ed è valido in tutti i Paesi dell’UE e dell’Area Schengen.

Dove serve il Green Pass?

La Certificazione verde COVID-19 è richiesta in Italia per partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose, accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona gialla”, “zona rossa” o “zona arancione”.

Dal 6 agosto servirà, inoltre, per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici.

Dal 1 luglio la Certificazione verde COVID-19 è valida come EU digital COVID certificate e rende più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen. Fino al 12 agosto è possibile viaggiare in Europa anche senza Certificazione verde Covid-19 esibendo le certificazioni di completamento del ciclo vaccinale, di guarigione o di avvenuto test rilasciate dalle strutture sanitarie, dai medici e dalle farmacie autorizzate. Per tali certificazioni valgono gli stessi criteri di validità e durata della Certificazione verde.

La Certificazione non è un documento di viaggio. Le evidenze scientifiche sulla vaccinazione, sui test e sulla guarigione da COVID-19 continuano a evolversi, anche in considerazione delle nuove varianti del virus. Prima di mettersi in viaggio, controlla le misure di salute pubblica applicate nel luogo di destinazione e le relative restrizioni.

Come si scarica il green pass?

Ci sono cinque diversi modi per scaricare il Green Pass, con o senza identità digitale (Spid o Cie), in autonomia o con l’aiuto di terzi.

TRAMITE SITO DEL GOVERNO

Sul sito del Governo dopo essersi autenticati con le proprie credenziali Spid o Cie, puoi acquisire la Certificazione verde COVID–19 con semplici passaggi guidati.

Se non si è in possesso di Spid o Cie sullo stesso sito è possibile identificarsi con tessera Sanitaria o documento di identità. Con la Tessera sanitaria inserisci: e ultime 8 cifre del numero identificativo della tua tessera sanitaria, la data di scadenza della stessa, uno dei codici univoci ricevuti o con il tampone molecolare (CUN), o il tampone antigenico rapido (NRFE), o il certificato di guarigione (NUCG).

In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria.

Se non si possiede la Tessera Sanitaria in quanto non sei iscritto al SSN, inserisci sullo stesso sito il tipo e numero di documento che hai fornito in sede di esecuzione del tampone o di emissione del certificato di guarigione, la data di scadenza della stessa, uno dei codici univoci ricevuti o con il tampone molecolare (CUN), o con il tampone antigenico rapido (NRFE), o il certificato di guarigione (NUCG). In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria.

Se non si è iscritti al Servizio Sanitario Nazionale ma si è vaccinati in Italia basta inserire il codice fiscale o l’identificativo assegnato da Sistema TS per accedere alla vaccinazione in Italia e la data dell’ultima vaccinazione.

TRAMITE FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO

Presto si potrà acquisire la certificazione verde COVID-19 accedendo al Fascicolo Sanitario Elettronico, con le modalità previste nella tua Regione di assistenza. La Certificazione verde COVID-19 sarà messa a disposizione in formato scaricabile e stampabile (PDF).

TRAMITE APP IMMUNI

Puoi acquisire la Certificazione verde COVID-19 utilizzando l’App Immuni attraverso l’apposita sezione “EU digital COVID certificate” visibile nella schermata iniziale della APP. Per ottenere la Certificazione verde COVID-19 bisogna inserire: le ultime 8 cifre del numero identificativo della tessera sanitaria, la data di scadenza della stessa, uno dei codici univoci ricevuti con il tampone molecolare (CUN) o il tampone antigenico rapido (NRFE) o il certificato di guarigione (NUCG).

In alternativa a questi codici, si può inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria. La Certificazione verde COVID–19 viene mostrata a video e il QR code salvato nel dispositivo mobile in modo che possa essere visualizzato e mostrato anche in modalità offline.

TRAMITE APP IO

Si può acquisire la Certificazione verde COVID-19 utilizzando l’App IO, ricevendo direttamente un messaggio ogni volta che la Piattaforma nazionale rilascerà un certificato intestato a te. Non appena aprirai il messaggio, l’App ti mostrerà il QR Code e i dati del tuo certificato, che potrai esibire direttamente da IO.

Puoi salvare il certificato con il suo QR Code nella memoria locale del tuo dispositivo mobile, così da poterlo mostrare facilmente anche in assenza di connessione a Internet. Non devi quindi richiedere la Certificazione né inserire codici o altri dati: è sufficiente aver fatto almeno una volta l’accesso in App con SPID o CIE.

TRAMITE MEDICO DI FAMIGLIA, PEDIATRI O FARMACIE

Il medico e il farmacista, accedendo con le proprie credenziali al Sistema Tessera Sanitaria, potranno recuperare la tua Certificazione verde COVID-19. Serviranno il tuo codice fiscale e i dati della Tessera Sanitaria che dovrai mostrare loro. La Certificazione verde COVID-19 ti sarà consegnata in formato cartaceo o digitale.

Come fare per chi non può avere il Green Pass (bambini e soggetti esenti)?

La Certificazione verde COVID-19 non è richiesta ai bambini esclusi per età dalla campagna vaccinale e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica. Per queste persone verrà creata una Certificazione digitale dedicata. Finché questa non sarà disponibile, possono essere utilizzate quelle rilasciate in formato cartaceo.

Come recuperare il codice Authcode se non arriva via sms?

Se hai i requisiti per la Certificazione verde COVID-19 e non hai ricevuto l’SMS o l’email o li hai smarriti, puoi recuperare il tuo AUTHCODE subito e in autonomia attraverso la nuova applicazione attiva dal 30 luglio. Basta inserire il tuo codice fiscale, le ultime 8 cifre della tessera sanitaria e la data dell’evento che ha generato la certificazione verde (data dell’ultima vaccinazione o del prelievo del tampone o, per le certificazioni di guarigione, la data del primo tampone molecolare positivo). Una volta ottenuto l’AUTHCODE puoi scaricare la Certificazione da questo sito con Tessera Sanitaria o da AppImmuni: apre una nuova finestra

Come ottenere il Green Pass Cartaceo?

In caso non disponessi di strumenti digitali, puoi recuperare il certificato sia in versione digitale sia cartacea con la Tessera Sanitaria e con l’aiuto di un intermediario: medico di medicina generale, pediatra di libera scelta, farmacista. L’emissione della Certificazione è gratuita per tutti, disponibile in italiano e in inglese e, per i territori dove vige il bilinguismo, anche in francese o in tedesco.

Giornalista professionista e videomaker, ha iniziato nel 2006 a scrivere su varie testate nazionali e locali occupandosi di cronaca, cultura e tecnologia. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Tra le varie testate con cui ha collaborato il Roma, l’agenzia di stampa AdnKronos, Repubblica.it, l’agenzia di stampa OmniNapoli, Canale 21 e Il Mattino di Napoli. Orgogliosamente napoletana, si occupa per lo più video e videoreportage. E’ autrice del documentario “Lo Sfizzicariello – storie di riscatto dal disagio mentale”, menzione speciale al Napoli Film Festival.