La curva dei contagi rimane stabile: sono 23.839 i nuovi casi di coronavirus in Italia, ieri sono stati +23.987. I decessi odierni sono 380, ieri sono stati +457. Sono 18.287 quelle uscite oggi dall’incubo Covid, ieri erano 19.764. Gli attuali positivi risultano essere in tutto 571.878, pari a +5.167 rispetto a ieri (+3.753 il giorno prima).

I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 357.154, ovvero 2.172 in più rispetto a ieri quando erano stati 354.982. Mentre il tasso di positività è 6,7% (l’approssimazione di 6,67%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 6 sono risultati positivi; ieri era 6,8%.

Diminuiscono i contagi nelle ultime 24 ore anche se di poco, con oltre 2 mila tamponi in più. E il tasso di positività scende leggermente al 6,7% dal 6,8% di venerdì, rimanendo pressoché stabile. Sui dati settimanali si vede un rallentamento dell’epidemia. “La decrescita è in corso. In estate potremmo concederci qualche libertà in più”, ha ribadito Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. Ma la curva non è ancora crollata e bisogna continuare a rispettare le restrizioni, mentre procedono le vaccinazioni.

La Lombardia è la regione più colpita per numero di nuove infezioni (+4.884). Con oltre 2 mila contagiati ci sono: Piemonte (+2.636), Emilia-Romagna (+2.269), Campania (+2.209) e Puglia (+2.008). Seguono con un incremento a quattro cifre: Lazio (+1.825), Veneto (+1.759) e Toscana (+1.467). Tutte le altre regioni anno un aumento a due o tre cifre.

Aumenta la pressione sugli ospedali. I posti letto occupati nei reparti Covid ordinari sono +149 (ieri +48), per un totale di 28.621 ricoverati. I posti letto occupati in terapia intensiva (TI) sono +7 (ieri +8), portando il totale dei malati più gravi a 3.635. La variazione dei posti letto occupati, in area critica e non, indica il saldo tra i pazienti usciti e quelli entrati nelle ultime 24 ore. Infatti, i nuovi ingressi in rianimazione sono +264 (ieri +288).

Continua la corsa ai vaccini. Le dosi di vaccino somministrate sono oltre 9 milioni. I cittadini che hanno ricevuto la seconda dose sono più di 2,8 milioni.

I casi regione per regione
Lombardia 722.957: +4.884 casi (ieri +5.077)
Veneto 377.259: +1.759 casi (ieri +2.095)
Campania 330.436: +2.209 casi (ieri +1.947)
Emilia-Romagna 329.041: +2.269 casi (ieri +2.391)
Piemonte 302.074: +2.636 casi (ieri +2.117)
Lazio 278.815: +1.825 casi (ieri +2.006)
Toscana 190.267: +1.467 casi (ieri +1.425)
Puglia 186.949: +2.008 casi (ieri +2.162)
Sicilia 170.698: +890 casi (ieri +892)
Friuli-Venezia Giulia 95.652: +672 casi (ieri +768)
Liguria 87.723: +529 casi (ieri +487)
Marche 86.493: +723 casi (ieri +674)
P. A. Bolzano 68.550: +99 casi (ieri +153)
Abruzzo 64.281: +348 casi (ieri +392)
Umbria 50.349: +222 casi (ieri +320)
Calabria 45.744: +508 casi (ieri +412)
Sardegna 44.406: +287 casi (ieri +178)
P. A. Trento 40.602: +215 casi (ieri +238)
Basilicata 19.000: +133 casi (ieri +143)
Molise 12.159: +31 casi (ieri +53)
Valle d’Aosta 8.998: +125 casi (ieri +57)