Tutti i principali indicatori in peggioramento. È netto il giudizio che arriva dal monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, nella settimana dal 14 al 20 ottobre, sull’epidemia di Coronavirus in Italia. Rispetto al precedente monitoraggio di Gimbe, i nuovi casi di coronavirus scoperti sono raddoppiati (68.982 vs 35.204) a fronte di un rilevante aumento dei casi testati (630.929 vs 505.940) e di un ulteriore netto incremento del rapporto positivi/casi testati (10,9% vs 7%). Sono più che raddoppiati i decessi (459 vs 216). Dal punto di vista epidemiologico sono aumentati gli attualmente positivi (142.739 vs 87.193), i pazienti ricoverati con sintomi (8.454 vs 5.076) e quelli in terapia intensiva (870 vs 514). Nello specifico, rispetto alla settimana precedente, la Fondazione ha comunicato le seguenti variazioni: 243 decessi (+112,5%), +356 in terapia intensiva (+69,3%), +3.378 ricoverati con sintomi (+66,5%), 3.778 nuovi casi (+95,9%), +55.546 attualmente positivi (+63,7%), +124.989 casi testati (+24,7%) e +202.871 tamponi totali (+24,8%).

“Con l’aumentare vertiginoso dei numeri – ha spiegato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – il dato nazionale non rende conto di marcate differenze regionali, oltre che provinciali, che indicano le aree che richiedono provvedimenti più restrittivi per circoscrivere tempestivamente tutti i focolai e arginare il contagio diffuso”. Il report dei principali indicatori documenta un peggioramento in tutte le Regioni su tutti i fronti. Si sono registrati 33.778 nuovi casi, quasi il doppio rispetto alla settimana precedente. A livello nazionale l’incremento percentuale dei casi totali è del 18,9%, con variazioni regionali che oscillano dal 7,8% della Provincia Autonoma di Trento al 44,9% della Campania. Sul fronte della capacità di testing & tracing le performance regionali, secondo il Gimbe, sono molto variabili: a fronte di una media nazionale di 1.045 casi testati per 100.000 abitanti, il numero varia dai 561 della Provincia Autonoma di Trento ai 1.832 del Lazio. “Il dato più allarmante – ha continuato Cartabellotta – è la brusca impennata del rapporto positivi/casi testati dal 7% al 10,9%, che certifica il fallimento del sistema di testing & tracing per arginare la diffusione dei contagi“. Secondo la Fondazione, le notevoli variabilità regionali documentano che la ‘prima diga’ è saltata in alcune Regioni: ad esempio in Valle d’Aosta oltre un caso testato su 3 è positivo e in Liguria quasi uno su 4.

“In questa fase di rapida risalita dei contagi – ha dichiarato Cartabellotta – piuttosto che contare i numeri del giorno, è fondamentale seguire la dinamica delle curve su base settimanale. Infatti, dal 6 ottobre si impenna il trend dei casi attualmente positivi, dei pazienti ricoverati con sintomi e di quelli in terapia intensiva, seguito una settimana dopo da quello dei decessi”. Anche se in termini di numeri assoluti cambia l’ordine di grandezza, secondo Gimbe l’andamento di tutte le curve è ormai molto simile. Il raddoppio dei nuovi casi nelle ultime due settimane ha espanso il numero degli attualmente positivi, che hanno raggiunto le 142.739 unità. Al 13 ottobre, rispetto ad una media nazionale di 236 casi attualmente positivi per 100.000 abitanti, il range varia dai 64 della Calabria ai 577 della Valle D’Aosta. Secondo il monitoraggio anche sul versante delle ospedalizzazioni il trend è diventato esponenziale: nella settimana 14-20 ottobre i pazienti ricoverati con sintomi sono aumentati del 66,5% (+3.378) e quelli in terapia intensiva del 69,3% (+356), con un rapporto costante di 10:1. Dopo un trend in lento ma costante incremento, nell’ultima settimana i pazienti deceduti sono più che raddoppiati, passando da 216 a 459, con un trend di crescita che si allinea a quello dei pazienti ospedalizzati e in terapia intensiva.

Secondo la Fondazione Gimbe i dati confermano che i sistemi di tracciamento sono già saltati in gran parte del territorio nazionale e adesso l’obiettivo primario è prevenire il sovraccarico di ospedali e terapie intensive, al fine di contenere l’incremento della letalità. “L’avvicendarsi di Dpcm a cadenza settimanale – ha continuato Cartabellotta – e la parallela introduzione di ulteriori misure in alcune Regioni, dal coprifuoco alla chiusura dei centri commerciali nei weekend, dimostrano tuttavia che la politica non ha una vera strategia per contenere la seconda ondata. Se, come riferito dal premier Conte in Parlamento, l’obiettivo è quello di tutelare sia la salute che l’economia, Governo, Regioni ed Enti locali devono prendere atto che il virus corre sempre più veloce delle loro decisioni. Non si può continuare ad inseguirlo basandosi sui numeri del giorno che riflettono i contagi di 15 giorni prima, ma occorre guardare alla proiezione delle curve a 2 settimane per decidere immediatamente lockdown mirati, eventuali zone rosse locali e misure restrittive molto più rigorose”, ha concluso Nino Cartabellotta.