Tragedia nella notte in Friuli. Un uomo di circa 50 anni è morto travolto dalla corrente di un fiume in provincia di Pordenone, tra Zoppola e Cordenons. Secondo quanto riportano le cronache locali, la strada era chiusa per l’allerta meteo ma l’automobilista, nonostante il divieto, avrebbe deciso di percorrerla trovando la morte.

A causa del maltempo le autorità locali avevano diramato un’allerta meteo di colore arancione che comporta una serie di prescrizioni compresa la chiusura di alcune strade. Tra queste, quella percorso dall’uomo che era stata chiusa con una sbarra.

Secondo una prima ricostruzione, attorno all’1.30 di notte, l’uomo ha oltrepassato proprio la sbarra nel tentativo di raggiungere l’altra sponda nonostante la presenza di una notevole quantità di acqua sulla carreggiata. Quando ha capito di essere rimasto intrappolato, ha chiesto invano aiuto ai soccorritori telefonando alla centrale operativa unica.

I vigili del fuoco hanno tentato di salvarlo ma l’auto è stata trascinata via dall’acqua. In corso le operazione di recupero della vettura e della vittima. Sul posto, le squadre Speleo alpino fluviali dei pompieri e dai sommozzatori giunti da Trieste.

SALVATAGGIO IN EXTREMIS – Sempre in provincia di Pordenone un altro automobilista è stato salvato dai vigili del fuoco dopo aver oltrepassato una strada chiusa per maltempo. E’ stato recuperato con l’elicottero intorno alle 8 e la località dista pochi chilometri in linea d’aria da dove, la notte scorsa, lungo lo stesso corso d’acqua, un uomo è morto dopo essere stato travolto dalla piena.

seguono aggiornamenti