Cresce la suspense sul caso di Denise Pipitone. Oggi pomeriggio, alle 18:45 italiane, andrà in onda la puntata della trasmissione russa, Let them talk, che ha rimesso la vicenda della bambina scomparsa nel settembre 2004 a Mazara del Vallo al centro dell’attenzione. Un’attenzione mediatica, a tratti eccessiva, che ha fatto dubitare molti telespettatori sulla bontà dell’operazione. Piera Maggio, madre di Denise, aveva detto nei giorni scorsi di provare una “cauta speranza”. La possibilità che Olesya Rostova – la ragazza che si è presentata al programma del primo canale russo, Lasciali Parlare, dicendo di cercare i suoi genitori – sia effettivamente Denise, sembrano affievolirsi.

A quanto riportano diversi media la ragazza russa avrebbe incontrato la sua vera sorella biologica, ieri negli studi, e avrebbe scoperto il sui vero nome. Il conduttore della trasmissione Dimitri Borisov ieri ha scritto un post sui social, alimentando quel clima morboso che si è creato intorno alla vicenda. “La nostra Olesya Rostova è la ragazza scomparsa in Sicilia Denise Pipitone? Come si chiamava alla nascita la bambina che da tanti anni cerca papà e mamma? Angela? Lidia? Denise? … Da diversi giorni, ormai, nelle tv italiane vengono trasmessi frammenti di ‘Let Them Talk’. E madri con storie simili vengono da noi da diverse città della Russia e dell’Ucraina. Chi è la madre della nostra Olesya?”. Insomma tre donne, tutte con una storia simile, tutte candidate a essere la madre della ragazza moscovita che ha lanciato il suo appello.

Il vero nome di Olesya sarebbe Angela, come scrivono diversi giornali incluso Il Giornale di Sicilia. La sorella biologica si chiamerebbe Anastasia Nikulina Zhuchkova. Le due si sarebbero aggiunte su Instagram (il profilo è @Play.yourself) e scambiate diversi like. L’avvocato Giacomo Frazzitta ha in parte confermato all’Ansa la situazione: “Durante la trasmissione a un certo punto è stata presentata una presunta sorella della protagonista del caso, anche lei russa, alla quale è stato chiesto cosa proverebbe nel caso Olesya dovesse trasferirsi in Sicilia”.

Tutto molto grottesco oltre che oscuro. Frazzitta ha detto di aver depositato alla Procura di Marsala la documentazione degli esami su Olesya “che mi è stata inviata ieri prima del collegamento con il primo canale della Tv russa. Il programma sarà trasmesso oggi alle 18:45 ora italiana e, come ho già detto ieri, ho preso l’impegno a non rivelare prima l’esito degli esami del sangue che potrebbero eventualmente dimostrare la compatibilità con quelli di Denise”. Il gruppo di Denise è Rh Positivo.

Esami che comunque non basterebbero: necessari i test comparativi del Dna. Olesya Rostova ha raccontato di essere stata rapita dai nomadi quando aveva la stessa età di Denise. La strategia è quella usata da ormai una decina di giorni: poche notizie, altrettante indiscrezioni, confronti grotteschi tra fotografie del presente e del passato tra i protagonisti della vicenda. Un ritardo inspiegabile degli esami che toglierebbero ogni dubbio. Piera Maggio e il marito Piero Pulizzi sarebbero sconcertati da tutta l’operazione. Stesso sconcerto da parte del legale Frazzitta.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.