Un ipotetico partito-movimento guidato da Gianluigi Paragone, il senatore espulso a Capodanno dal Movimento 5 Stelle per le sue posizioni critiche, e da Alessandro Di Battista, l’ex deputato 5 Stelle che da tempo starebbe puntando alla leadership grillino, ha un bacino potenziale di elettori pari al 5,2 per cento.

A rilevarlo un sondaggio realizzato dall’Istituto Piepoli e reso noto dall’agenzia AdnKronos. In particolare il bacino potenziale sarebbe frutto di una ponderazione tra un 4 per cento che si dichiara certamente disposto a votarlo e un 13 per cento che probabilmente gli darebbe il proprio consenso.

D’altra parte il Movimento 5 Stelle sta vivendo una fase a dir poco critica, tra un consenso in continuo calo che rischia di vedersi superato da Fratelli d’Italia, e le continue liti nel governo sui temi più cari all’universo grillino come prescrizione e reddito di cittadinanza.