Sold out. Delle ormai celebri scarpe della Lidl da 13 euro, le sneakers messe in vendita dalla nota catena di hard discount nei quasi 700 punti vendita italiani, non ce n’è più traccia nelle rivendite ‘ufficiali’. Le scarpe del marchio tedesco sono diventato un caso in Italia, con code e scene di vero e proprio panico tra i reparti dei vari centri Lidl sparsi nel Paese con la ressa per accaparrarsi un paio di sneakers della collezione streetwear low cost.

Una iniziativa che però non deve sorprendere: già questa estate il marchio tedesco aveva lanciato la sua linea di vestiti e scarpe, con le vendite iniziate in Gran Bretagna, Germania, Belgio e Finlandia. Le sneakers, che si rifanno a modelli simili di marchi ben più noti come Puma e Balenciaga, sono diventate un oggetto di culto per appassionati di moda, tanto da alimentare un mercato del reselling online che ha spinto i prezzi di queste scarpe, oggettivamente bruttine, a prezzi fino a 2.500 euro.

La novità per l’Italia riguarda più il fenomeno del reselling, che ad oggi si è visto raramente: all’estero sono molto più comuni le “file chilometriche” di appassionati di moda o semplici ‘volponi’ che attendono ore per acquistare un ‘drop’ esclusivo, delle collezioni a numero limitato di marche importanti (celebri in questo caso le release della Supreme).

Ad amplificare il fenomeno anche una semplice ma basilare regola del marketing: la ‘Lidl Fan Collection’ era infatti una edizione ultra-limitata che ha dovuto fare fronte ad una domanda altissima, innescando un fattore psicologico di corsa all’acquisto di un articolo da ‘status symbol’.

Per coloro che vogliono tentare la fortuna e cercare ancora un paio delle ambitissime sneakers Lidl, a questo link è possibile cercare il punto vendita più vicino al proprio comune.