Focolaio covid in un villaggio turistico a Manfredonia, provincia di Foggia, in Puglia. Sono 34 gli studenti risultati positivi, tra i 17 e i 19 anni. Uno abita nel milanese. Lo ha fatto sapere la Regione Puglia precisando che le attività di tracciamento degli studenti hanno portato a identificare 400 persone, legate al cluster, residenti in diverse parti d’Italia, tutte sottoposte a tampone. L’Asl di Foggia ha fatto sapere di aver applicato i protocolli previsti e che la situazione è “assolutamente” sotto controllo. In quarantena 40 persone venute a contatto con i positivi, altri sette in provincia di Brescia. L’attività di tracciamento, esteso anche in Lombardia e Campania, è ancora in corso.

L’alert è scattato a fine giugno quando 34 partecipanti al viaggio e provenienti da diverse zone d’Italia al rientro dalla vacanza nei propri comuni di residenza, hanno cominciato a manifestare lievi sintomi – ha ricostruito l’Ente regionale spiegando che il servizio di Igiene pubblica della Asl con l’istituto di Igiene universitario “ha immediatamente preso contatto con la struttura ed avviato l’attività di indagine epidemiologica”. Cinquanta le persone tra dipendenti e collaboratori saltuari della struttura sottoposti a tampone. Solo un positivo. La famiglia è stata messa in isolamento. Sottoposti a tampone anche tutti i ragazzi pugliesi che hanno partecipato alla vacanza. Solo una ragazza è risultata positiva. Paucisintomatica, in isolamento, come tutti i suoi contatti stretti. Negativi i genitori. Tutti negativi i tamponi dei ragazzi arrivati la settimana successiva nella stessa struttura e non entrati mai in contatto con il gruppo della settimana precedente.

“Abbiamo cercato di far rispettare il distanziamento sociale. I ragazzi sono sempre stati in luoghi aperti per salvaguardare la situazione e abbiamo messo in atto tutte le norme che il caso impone”, ha detto all’Ansa Vincenzo Picardi, amministratore del villaggio African Beach di Ippocampo che ha ospitato il campus estivo organizzato dal tour operator “Scuola Zoo Viaggi”. “Durante il soggiorno non abbiamo avuto segnalazione di sintomatologie tipiche del virus tra i ragazzi. Ma nei giorni scorsi siamo stati contattati da varie Asl d’Italia: Roma 4 e Rieti in primis che ora stanno eseguendo un tracciamento dei possibili contagi. Noi di contro – ha continuato l’amministratore – abbiamo subito informato la Asl di Foggia. Attuiamo giornalmente il protocollo anti contagio che prevede la sanificazione degli ambienti. Abbiamo sanificato lettini, sdraio, attrezzatura da piscina ma anche bungalow e camere”. La settimana prossima altro giro di tamponi per tutto il personale della struttura.

“La circolazione del virus c’è, anche se bassa – ha commentato l’assessore regionale alla Sanità Pier Luigi Lopalco all’Ansa – In determinate condizioni di sovraffollamento e di vita in comunità la mascherina, oltre al distanziamento e all’igiene delle mani sono le uniche barriere contro il virus per chi non è vaccinato completamente. Sarebbe buona prassi sottoporsi a vaccinazione prima di intraprendere questo tipo di vacanze in larghe comunità. Tornare a vivere insieme non significa esporre sé stessi ed altri a rischi inutili. Per questo si deve accelerare sulla copertura dell’intera popolazione vaccinabile, compresa quella in età da liceo. In Puglia stiamo lavorando in tal senso se le forniture nazionali saranno regolari”. A oggi sono oltre 56 milioni e 47mila le somministrazioni condotte in Italia, più di 22 milioni e 481mila le persone che hanno completato il ciclo, pari al 41,62% della popolazione over 12 anni.  

A preoccupare in questa fase è la diffusione della variante Delta del covid-19. Secondo le rilevazioni del Ministero della Salute israeliano, il vaccino Pfizer ha un’efficacia del 60% circa nel prevenire i sintomi della Covid-19 con la variante Delta. L’Istituto Superiore di Sanità ha fatto sapere che “il ciclo completo dei 4 vaccini già approvati rimane protettivo nei confronti di tutte le Voc – cioè le varianti che sono considerate più rischiose – mentre diminuisce l’efficacia che si era evidenziata dopo la prima dose”. Il bollettino ha confermato un trend in leggero rialzo nelle scorse 24 ore in Italia, con 1.394 nuovi contagi, tasso di positività allo 0,8% su 174.852 test e 13 morti.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.