Fratelli d’Italia è per la prima volta primo partito in un sondaggio Swg sulle intenzioni di voto degli italiani. La rilevazione per La7 è stata pubblicata lunedì 28 giugno. Continua dunque a crescere il partito di Giorgia Meloni. Crescono, anche se di poco, pure Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Forza Italia. Scivola un po’ la Lega del segretario Matteo Salvini. Il centrodestra unito arriverebbe al 48%. Pd e M5s uniti staccati di oltre dieci punti.

Questi dunque i valori in campo, secondo le proiezioni, mentre i partiti si preparano alle amministrative previste tra settembre e ottobre – la data del voto, tra il 15 settembre e il 15 ottobre, non è stata ancora decisa. L’indagine è stata condotta con tecnica mista CATI-CAMI-CAWI su un campione di 1.200 soggetti maggiorenni residenti in Italia. Il campione stratificato per zona, età e sesso. Il margine di errore statistico dei dati è del 2,8%.

Per la prima volta, dunque il primo partito per Swg è Fratelli d’Italia. Il movimento cresce di 0,2 ed è al 20,7%. L’opposizione paga. Meloni raccoglie i consensi degli elettori di destra che non si riconoscono nel governo Draghi. La leader romana – che a Roma ha voluto il candidato Enrico Michetti per il Campidoglio – ha riunito una parte di destra confusa negli ultimi anni, nazionalistica, senza un luogo. Ha pubblicato di recente una biografia che sta vendendo piuttosto bene, Io sono Giorgia.

Per restare all’opposizione dell’esecutivo Draghi, ma da sinistra, Sinistra Italiana è al 2,7%, ed è l’unica forza a sinistra a non appoggiare il governo. Seppure in crescita, dello 0,2, ma comunque molto in fondo. Il Partito Democratico cresce dello 0,2 e arriva a un 18,8%. A inizio giugno la rilevazione Polimetri di Ipsos di Nando Pagnoncelli aveva dato i dem come primo partito, al 20,8%, seguito proprio da Fdi, al 20,5%. “Io non credo generalmente all’importanza dei sondaggi. Ma, santo cielo, erano 4 anni che un sondaggio non dava il Pd primo partito italiano. Allora sarà che a questo sondaggio non ci crediamo, lo mettiamo da parte, però Ipsos non è un sondaggista non credibile, forse è il maggior sondaggista italiano”, aveva commentato il segretario Enrico Letta.

Con il Movimento 5 Stelle – nonostante la crisi, il caos, la rottura interna scatenata dal faccia a faccia sullo Statuto, e sulla natura del futuro del Movimento, tra il fondatore e Garante Beppe Grillo e l’ex premier e nuovo leader Giuseppe Conte – che guadagna uno 0,6% e sale al 16,6%; l’alleanza giallorossa arriva al 35,4%. Molto lontano quindi dal 48% del centrodestra unito.  Perderebbe tuttavia consenso in questa fase la Lega di Matteo Salvini, – 0,3, per un finale 20,3. Il Carroccio anche nella rilevazione citata precedentemente di Ipsos era dietro Fdi. Nel precedente sondaggio Swg invece Fdi, al 20,5%, aveva praticamente agganciato la Lega, al 20,6%. Forza Italia invece sale dello 0,2 e arriva al 7,0. Segue Azione, 3,9; Mdp Articolo 1, 2,3; Italia Viva, 2,1; +Europa, 1,8; Verdi, 1,5; Coraggio Italia, 1,0; Altre liste, 1,3. Non si esprimono il 39% degli intervistati invece. Un dato in calo dell’1%.

 

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.