“Chi nel corso degli anni ha espresso giudizi avventati sulla vicenda Cucchi oggi dovrebbe chiedere scusa ai familiari”. Questa la posizione del capo della polizia Franco Gabrielli sulle polemiche degli ultimi giorni tra l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini e Ilaria Cucchi, che ha deciso di querelare il leader della Lega per la frase “la droga fa male”. Polemiche successive alla sentenza di primo grado che ha visto i giudici della Corte d’Assise di Roma condannare a 12 anni di reclusione i due carabinieri ritenuti responsabile omicidio preterintenzionale.

“Vedo un approccio manicheo, ho imparato a quasi 60 anni che il mondo non è bianco o nero ma ha tanti grigi e che, quando si esprimono giudizi, lo si fa con l’emotività del momento senza rendersi conto che le cose sono più complesse e tutti dovrebbero avere un briciolo di rispetto e di attenzione” prosegue il capo della polizia a margine dell’inaugurazione a Napoli, nel commissariato di Scampia, della stanza di ascolto “Alice oltre lo specchio”.

LEGGI ANCHE – Ilaria Cucchi querela Salvini per la frase “La droga fa male”

Gabrielli ricorda che l’iter giudiziario è ancora lungo perché “si tratta di un giudizio di primo grado”. “Tutti  coloro che hanno espresso giudizi avventati dovrebbero riflettere, ma essendo un giudizio di primo grado anche un’enfasi contraria dovrebbe essere contenuta” aggiunge ricordando poi che “i familiari di una vittima hanno sempre il diritto di chiedere giustizia”.

Intanto Ilaria Cucchi, attraverso la propria pagina Facebook, smentisce le voci sulla possibile candidatura a sindaco di Roma: “Prima gli insulti e le minacce ora la fake news. Si tratta sicuramente di una coincidenza temporale con le simpatiche esternazioni dell’ex ministro dell’interno. Non ho nessuna intenzione di candidarmi a Sindaco di Roma. Non invidio certo la posizione della Sindaca Raggi e mai mi sognerei anche solo di immaginare di prendere il suo posto. Politica io la faccio tutti i giorni in mezzo alla gente e non coi soldi dei cittadini. E non mi riferisco certo alla Sindaca”.

LEGGI ANCHE -Salvini: “Niente scuse alla famiglia, caso dimostra che droga fa male”