Si sta rivelando un boomerang la folle trovata del leader della Lega Matteo Salvini che ieri sera a Bologna si è recato, guidato da una attivista del Carroccio, in via Deledda, nel quartiere popolare del Pilastro. Qui ha suonato al al citofono di una casa perché, gli viene riferito, in quell’abitazione abitano padre e figlio tunisino dediti allo spaccio.

LA FOLLE ‘IDEA’ DI SALVINI – L’ex ministro dell’Interno si rivolge quindi al 17enne e al padre e, tra le polemiche di alcuni contestatori presenti in zona, dice: “Buonasera, ci può far entrare? Ci hanno detto che da lei parte una parte dello spaccio qui in quartiere”. Un video pubblicato sui social di Salvini che ha provocato immediate reazioni, con la deputata del Pd Alessia Morani che ha definito Salvini “un cialtrone, un provocatore pericoloso”.

VOLO CONTRO SALVINI: “VAI A SUONARE AI CAMORRISTI SE HAI LE PALLE” – Ma la polemica non si è spenta ieri sera, anzi. Il carico da novanta è arrivato sui social, con decine di ‘meme’ basati sulla provocazione di Salvini.

Contro il leader della Lega è arrivato anche un durissimo intervento radiofonico di Fabio Volo, durante la puntata odierna de Il Volo del Mattino su Radio Deejay. Lo scrittore e attore senza giri di parole ha sfidato l’ex ministro: “Vai a suonare ai camorristi se hai le palle str***o, non da un povero tunisino che lo metti in difficoltà str***o, sei solo uno str***o senza palle. Fallo con i forti lo splendido, non con i deboli”.