Simon Kjaer parla per la prima volta dopo il malore che ha colpito Christian Eriksen in campo, nella partita della Danimarca contro la Finlandia, sabato 12 giugno, valida per gli Europei di calcio. Eriksen ha sofferto un arresto cardiaco, è svenuto in campo, ha perso i sensi. Momenti di panico e paura che hanno fatto il giro del mondo. Kjaer, capitano dei danesi, è stato tra i primi a soccorrere il compagno di squadra e l’amico. La sua freddezza e prontezza sono state lodate dai giornali di tutto il mondo.

Alla vigilia di Danimarca-Belgio, che si giocherà oggi pomeriggio alle 18:00, a Copenaghen, il capitano della Danimarca torna a parlare, con un post sui social network. “Sono stati giorni molto particolari, durante i quali il calcio non è stata la cosa più importante. È stato uno shock che farà parte di me – parte di tutti noi – per sempre. La sola cosa che importa è che Eriksen stia bene!! Sono orgoglioso di come abbiamo reagito come squadra e di come siamo stati uniti in quei momenti difficili. Sono commosso e davvero grato per tutto il supporto che abbiamo ricevuto”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Simon Kjær (@simonkjaer.official)

Danimarca-Finlandia, dopo le notizie rassicuranti sullo stato di salute di Eriksen, in miglioramento dopo il malore, è ripresa ed è finita 1 a 0 a favore dei finnici. Kjaer ha giocato pochi minuti dopo il rientro in campo, fino al 63esimo, sostituito da Jannik Vestergaard, evidentemente provato da quello che era successo sul finire del primo tempo. “Oggi, entreremo in campo contro il Belgio con Christian nei nostri cuori e nei nostri pensieri. Giocheremo per Christian e, come sempre, per tutta la Danimarca. Questa è la motivazione più grande che possiamo avere. Come sempre: faremo il nostro meglio per la Danimarca”.

Eriksen sta meglio, sotto osservazione, al 14esimo piano del Rigshospitalet di Copenaghen dov’è stato ricoverato dopo il malore. Il numero 10 danese e calciatore dell’Inter potrebbe essere dimesso domani. Ieri ha pubblicato un messaggio sui suoi social network ringraziando tutti per il sostegno. La Federazione Danese ha fatto sapere stamane che gli verrà impiantato in defibrillatore sottocutaneo, non è stato chiarito se temporaneo o stabile. Non è stata resa nota la causa dell’arresto cardiaco.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.