La guerra in Ucraina come un videogame, letteralmente. Che l’informazione italiana non splenda nel controllo delle fonti è noto, ma che durante le edizioni dei telegiornali Rai dedicati all’Ucraina si mandi in onda un filmato tratto da un videogioco, spacciandolo per uno scenario di guerra a Kiev, ha del clamoroso.

Il tutto è accaduto durante due servizi mandati in onda sia dal Tg1 che dal Tg2 nelle edizioni del 24 febbraio: mentre l’inviato Rai parla in diretta, compare in schermo anche quello che dovrebbe essere il filmato di missili russi piovuti sull’Ucraina.

Peccato che, come rivelato dal giornalista di Wired Simone Fontana, che su Twitter si era messo a esporre la veridicità o meno delle immagini e video pubblicati nelle prime ore della mattinata dalle testate giornalistiche, quel video sia in realtà tratto dal videogame “War Thunder” e che rappresenterebbe l’Iron Dome in azione.

Un errore che ricorda quello compiuto dal telegiornale di La7 guidato da Enrico Mentana, che durante gli scontri di Washington tra polizia e sostenitori dell’allora presidente Donald Trump mandò in onda immagini tratte dal film “Project X” pensando fosse una scena realmente avvenuta nella capitale degli Stati Uniti.

Sempre Fontana mostra su Twitter un altro errore da parte della stampa italiana, in questo caso il Sole 24 Ore, che nel seguire in live gli scontri in Ucraina aveva pubblicato un presunto bombardamento di Kiev da parte dell’aviazione del Cremlino, in realtà una parata militare avvenuta nel giugno 2020 a Mosca.

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia