La settimana prima le spiagge erano piene di bagnanti e il sole baciava l’Italia da Nord a Sud. In poco meno di 24 ore invece i costumi da bagno sono stati archiviati per far spazio ai cappotti. Freddo e bombe d’acqua stanno affliggendo tutta la penisola con temperature calate improvvisamente anche di 10-15 gradi. Sulle zone montuose è addirittura già arrivata anche la neve. Era da 50 anni che le temperature minime non scendevano così in basso a settembre.

A Milano e Torino durante la notte di domenica 27 settembre le temperature sono scese sotto i 5 gradi. In tutta Italia si sono registrati danni a causa del mal tempo per i forti rovesci e venti provenienti dal Nord Europa.

Ma nei prossimi giorni la situazione dovrebbe migliorare, con l’alta pressione pronta a riportare le temperature più miti. Il tempo migliorerà su quasi tutte le regioni tra martedì e giovedì. Il cielo resterà nuvoloso ma le temperature saliranno a poco a poco di giorno e di notte per tornare al clima tipico di settembre. Ma sarà una breve parentesi: dal 2 ottobre il maltempo tornerà al nord.

Martedì 29 settembre – Al nord: cielo irregolarmente nuvoloso. Al centro: nubi sparse su tutte le regioni. Al sud: ultime piogge sulla Calabria.

Mercoledì 30 settembre – Al nord: nubi sparse. Al centro: cielo poco nuvoloso. Al sud: tanto sole e clima più caldo. Da giovedì si avvicinerà una nuova e intensa perturbazione atlantica.