Il centrodestra torna a puntare su Maria Elisabetta Alberti Casellati. È quanto emerge da indiscrezioni del vertice di centrodestra in mattinata a Montecitorio. Al via alla quinta votazione, dopo quattro fumate nere, alle 11:00 alla Camera dei deputati. Da ieri il quorum si è abbassato dai due terzi dell’Assemblea alla maggioranza a 505 voti.  Presenti al vertice il segretario della Lega Matteo Salvini, il coordinatore di Forza Italia Antonio Tajani, la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa.

“Sono contenta che si sia arrivati alla decisione di andare in aula con un candidato proposto dalla nostra metà campo ma parliamo della seconda carica dello Stato, una donna, presidente del Senato ed è un’apertura verso gli altri, una candidatura meno politicizzata e più istituzionale“, le parole della leader di FdI Giorgia Meloni al termine del vertice. “Vediamo come andrà alla prima votazione se non dovesse esserci un risultato vincente oggi pomeriggio continueremo con Elisabetta Alberti Casellati … A buon intenditor poche parole: i grandi lettori di Forza Italia voteranno Elisabetta Alberti Casellati”, le parole di Antonio Tajani, coordinatore di Forza Italia, riportate da LaPresse.

Salvini ha quindi invitato i leader della maggioranza prima del voto a un vertice. Meloni avrebbe chiesto una prova per contarsi e tenere salda l’alleanza. Ieri sera era tornato a circolare il nome di Franco Frattini, ex ministro degli Esteri, condiviso giorni fa con il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte. Arenata la rosa a tre, Moratti-Nordio-Pera, proposto in conferenza stampa con Meloni e Tajani.

“Mi dovete votare”, i messaggi che secondo il Corriere della Sera Casellati avrebbe scritto e spedito ai maggiorenti della coalizione a partire da ieri sera. “La sua richiesta è stata esaudita”. Il centrodestra ha proposto quasi dieci nomi, tra rose a tre (Pera-Moratti-Nordio), indiscrezioni, gialli come quello di Sabino Cassesse fino allo strappo di mercoledì scorso di Meloni: oltre il doppio dei voti di Fratelli d’Italia erano andati al fondatore del partito Guido Crosetto.

La candidatura di Casellati era stata sonoramente bocciata, due giorni fa, sia dal segretario del Partito Democratico Enrico Letta che dal leader di Italia Viva Matteo Renzi. “Proporre la candidatura della seconda carica dello Stato, insieme all’opposizione, contro i propri alleati di governo sarebbe un’operazione mai vista nella storia del Quirinale. Assurda e incomprensibile. Rappresenterebbe, in sintesi, il modo più diretto per far saltare tutto”, il tweet del dem. Renzi aveva proposto un “contro-blitz” con un altro candidato da votare in aula. Il nome della Presidente del Senato è tornato in ballo ieri sera.

“Vedremo se il centrodestra confermerà la candidatura di Elisabetta Casellati. Non si è capito qual è il disegno strategico di Salvini e Meloni. Forza Italia vorrebbe un accordo – le parole di Renzi a Radio Leopolda – Se il centrodestra ritiene di dover giocare persino la carta della seconda carica dello Stato immagino che sia l’ultima possibilità che vogliono giocare prima di arrivare a un eventuale accordo”. L’ex premier aveva criticato l’“X Factor” che in questi giorni si era tenuto a suo dire alla Camera. “Chiudiamo questa vicenda nelle prossime 24 ore e poi andiamo all’elezione diretta del Capo dello Stato”.

Renzi non ha escluso un Mattarella bis “se si deve andare a cercare un candidato in giro per Roma”. Ancora in corso in questi minuti il vertice del centrosinistra con tra il leader Pd Enrico Letta, quello del M5s Giuseppe Conte e Leu Roberto Speranza. Il centro sinistra potrebbe optare per la scheda bianca alla quinta votazione. Alla finestra restano ancora l’ipotesi di Pier Ferdinando Casini, eletto con il centrosinistra e quindi bocciato da Salvini, e soprattutto del Presidente del Consiglio Mario Draghi.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.