Quinto giorno di votazioni per l’elezione del Capo dello Stato. Dopo il voto alla Camera i grandi elettori si incontrano tra loro dentro e fuori al palazzo e scambiano quattro chiacchiere. Come è successo a Luca Zaia, governatore veneto e Vincenzo De Luca, presidente della Campania.  Con la sua consueta ironia il campano dice al collega veneto: “Hai votato?”. E lui lo tranquillizza: “Certo”. E De Luca gli risponde scherzando:  “Ti fotograferò e ti ricatterò a vita”.

“Candidare Casellati è stata un’intuizione luminosa”, lo sferza il governatore campano. I giornalisti ascoltano curiosi. Presidente, ma di Cassese che ne pensa? “Cassese? Altra intuizione luminosa. Mi ricorda l’ultimo Cernenko, quando lo tenevano in piedi con la stecca“, dice De Luca, e fa il gesto del braccio sorretto dalla mano. Cernenko fu eletto segretario del Pcus, nel 1984 dopo la morte di Andropov, che era già malato. Fu portato a votare alle elezioni del 1985 che era quasi moribondo.

Tra i due c’è una grande distanza politica ma c’è sicuramente una certa intesa. “Andiamo d’accordo su tutto”, dicono entrambi. Di sicuro riguardo all’atteggiamento del governo sulle misure anti-Covid, con particolare riguardo alla scuola. “È il caos totale”, afferma De Luca con Zaia che concorda. Poi arriva Vittorio Sgarbi per scherzare con il presidente della Campania. “Sei un’artista”, gli dice .

E qui la conversazione tra i tre non sale di livello. Genere amarcord. “Io e Bossi, litigavamo molto. Un giorno io stavo con Milly D’Abbraccio. Lui mi guarda e mi fa: siamo divisi su tutto, solo la figa ci unisce“. De Luca alza le sopracciglia. “Ma ti rendi conto dove stai?”, e invita Sgarbi a ricordarsi che i cronisti, attorno, ascoltano. “Ma sai erano gli anni 90 – si spiega il critico d’arte – Erano tutti gay. Tu sei gay, vero?”. De Luca ansima in un silenzio teso. La mascherina vibra quando pronuncia le parole: “Te pozzan accirere”. Sgarbi non sembra capire.

Per il primo venerdì da quando c’è la pandemia il presidente De Luca ha rinunciato alla sua consueta diretta del venerdì in cui si rivolge ai cittadini. “Per la concomitanza con le votazioni a Roma per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, la consueta diretta streaming del venerdì è rinviata”: sui social del governatore Vincenzo De Luca si annuncia che oggi non andrà in onda l’intervento settimanale del presidente della Regione, impegnato come grande elettore a Montecitorio. De Luca, con il presidente del Consiglio regionale Gennaro Oliviero e la consigliera di Fi Anna Rita Patriarca, e’ stato eletto per rappresentare la Campania nelle votazioni in corso per l’elezione del Capo dello Stato.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.