Draghi è un nome che puoi uscire alla fine”. Così Umberto Bossi apre all’attuale premier in vista delle elezioni del 13esimo presidente della Repubblica. Il senatùr della Lega, in sedia a rotelle accompagnato da un assistente, è stato il primo a votare nella prima giornata. Dopo le indiscrezioni sull’incontro avvenuto in mattinata tra il presidente del Consiglio e il segretario del Carroccio Matteo Salvini, il fondatore del partito leghista si è presentato a Montecitorio con una cravatta “verde padano” e pochette nel taschino della giacca in tinta e al termine del voto non chiude all’ipotesi Draghi.

“Devono ancora uscire i nomi. Ognuno deve tirare fuori i suoi, ma alla fine si troverà un nome condiviso. Draghi? È un nome che può uscire alla fine” ha dichiarato ai cronisti nel cortile della Camera dove poi si è intrattenuto a fumare un sigaro in compagnia di Roberto Calderoli ed ha ricevuto i saluti di Giorgetti, Bersani e D’Incà. “La situazione va risolta, la devono risolvere, e quindi la risolveranno” ha aggiunto. Sul voto Bossi ha chiarito: “Se ho votato scheda bianca? Ho seguito gli ordini di scuderia”.

Su Berlusconi ha aggiunto: Gli mancano alcune doti, non ha pazienza. Però secondo me ha una dota importante in politica, il coraggio“. Simpatico il siparietto con l’ex segretario Pd Bersani. “Come stai?”, ha chiesto l’esponente Dem mettendo una mano sulla spalla di Bossi. “Posso salutarti anche io?“, ha poi chiesto Calderoli alzandosi e tendendo la mano a Bersani. Quest’ultimo, sorridendo, ha risposto con una battuta: “Con questa mascherina non ti avevo riconosciuto, sembri perfino bello…”.

Foto Mauro Scrobogna /LaPresse
24-01-2022 Roma, Italia
Politica
Elezione Presidente della Repubblica
Nella foto: Umberto Bossi

Photo Mauro Scrobogna / LaPresse
January 24, 2021 Rome, Italy
Politics
Election of the President o f the Republic
In the photo: Umberto Bossi

Napoletano doc (ma con origini australiane e sannnite), sono un aspirante giornalista: mi occupo principalmente di cronaca, sport e salute.