E’ deceduto stamattina, all’ospedale Loreto Mare di Napoli, un operaio napoletano di 55 anni, ricoverato nei giorni scorsi dopo essere risultato positivo al Coronavirus. Tra le 31 vittime in Campania c’è anche Francesco Rea originario di Brusciano ma residente a Pomigliano, entrambi comuni a nord di Napoli.

Lavorava per una ditta di San Vitaliano che si occupa dello stoccaggio e del trattamento dei rifiuti. A confermare il decesso dell’uomo è il sindaco di Pomigliano Lello Russo con il comune che ha volturo ricordarlo in una nota: “Oggi è un triste giorno per la nostra città. La comunità si veste a lutto. Ci lascia un nostro concittadino. Onoriamolo nel ricordo e continuando a rispettare le regole”.

Il 55enne era una delle quattro persone ufficialmente contagiate residenti a Pomigliano. I sanitari stanno avviando un’indagine per accertare le cause della morte.

“Il virus l’ha ucciso in 15 giorni. Per favore restiamo a casa, almeno per il suo sacrificio. Aveva 55 anni compiuti lo scorso febbraio” commenta un amico.