Sono saliti a oltre 10 milioni gli americani che hanno perso il loro posto di lavoro a marzo a causa del Coronavirus. Già nel corso delle scorse due settimane si è registrato un incredibile incremento nel numero di richieste di sussidi di disoccupazione, passando dalla già cifra record di 3,3 milioni al doppio, 6,6 milioni. Uno shock inedito nella storia americana, specie se si considera che solo tre settimane fa le richieste di disoccupazione non arrivavano neanche a 300mila. Inoltre, secondo alcuni economisti il numero dei nuovi disoccupati potrebbe essere anche più basso del reale. I dati pubblicati in questi giorni dal dipartimento del Lavoro non tengono infatti conto di coloro che sono stati licenziati negli ultimissimi giorni e che non hanno ancora presentato la domanda.

L’amministrazione Trump non ha ancora rilasciato un nuovo tasso di disoccupazione. A febbraio era al 3,5%, uno dei livelli più bassi degli ultimi 50 anni, ma secondo gli economisti ora si aggirerebbe intorno all’8%. I settori nei quali attualmente i numeri arrivano alle stelle sono quelli di alberghi e ristoranti, del turismo e del benessere, ma stanno aumentando anche in altri settori come il trasporto, lo stoccaggio e in quello manifatturiero. A moltiplicare i disagi anche l’assalto dei numeri verdi da parte di coloro che hanno richiesto i sussidi, ovvero gli aiuti promessi dal bailout da 2200 miliardi di dollari approvato dal Congresso. Una grave crisi che potrebbe addirittura replicare la Grande Recessione causata dalla crisi finanziaria del 2007-2008.