Con 1.169 vittime nelle ultime 24 ore, gli Stati Uniti hanno ora il triste primato del maggior numero di vittime in un giorno dall’inizio della pandemia, superando il record italiano dei 969 morti del 27 marzo. Gli Usa hanno al momento 243.453 casi positivi, più del doppio dell’Italia, e quasi 6.000 decessi, secondo i dati della Johns Hopkins University

Gli Stati Uniti, con 1.169 vittime registrate nelle ultime 24 ore per Coronavirus, hanno ora il ‘primato’ del maggior numero di vittime in un giorno dall’inizio della pandemia di Covid-19, superando anche l’Italia, dove il 27 marzo scorso vennero ufficializzati 969 decessi per il Covid.19. Attualmente, secondo i dati della Johns Hopkins University, negli Stati Uniti sono 245.559 casi positivi, più del doppio dell’Italia, e quasi 6.000 decessi.

Nella notte il presidente Donald Trump è stato sottoposto nuovamente al tampone per il Coronavirus, risultando ancora negativo. Il tycoon ha quindi annunciato in una conferenza dalla Casa Bianca che il Paese farà “100mila test al giorno, più di ogni altro Paese al mondo in relazione alla popolazione”.

Trump ha anche commentato l’invio di aiuti sanitari da parte della Russia dell’amico-nemico Vladimir Putin, definendolo “un gesto molto carino”. “Non sono preoccupato dalla propaganda russa”, ha quindi aggiunto il presidente ricordando che l’offerta di aiuto era stata avanzata dallo stesso presidente russo in una loro recente telefonata.

Intanto fa discutere la rimozione da parte della Marina militare americana del capitano Brett Crozier, comandante della portaerei Usa Theodore Roosevelt. Crozier è infatti sospettato di aver fatto trapelare un documento interno in cui si ammoniva gli alti gradi della Marina a prendere azioni concrete per salvare le vite dell’equipaggio dopo che 114 marinai erano risultati positivi al Coronavirus.

OLTRE UN MILIONE DI CASI GLOBALI – Intanto nella notte si è superata la quota di un milioni di casi di Coronavirus a livello mondiale. A guidare la ‘classifica’ sono gli i 245.559 infetti, più del doppio dei 115.242 italiani, mentre in Spagna sono 112.065.