Lo sfogo di una madre, napoletana, disperata o quasi per non riuscire a risolvere il problema del figlio. Sta pensando di riportarlo in vacanza, per farlo vedere e affinché gli tolgano il gesso al braccio, proprio li dove gliel’avevano messo. L’infortunio, infatti, si è verificato in vacanza, in Puglia. Il 14enne è stato ingessato sul posto. Al ritorno a Napoli il problema: chi per un motivo, chi per un altro – l’età, il personale, la tempistica, e via dicendo – gli ospedali hanno fatto sapere di non poter togliere il gesso al ragazzo.

La donna è cosciente che potrebbe provare in una struttura privata ma si chiede: è giusto? E lo stesso per una struttura fuori dalla provincia: è giusto? E la stessa si rivolge al governatore campano Vincenzo De Luca e si chiede ironica: “Che dite?… per togliergli il gesso lo rimando in vacanza in Puglia o glielo tolgo io?… accetto suggerimenti”. Il caso ha animato un vivace e partecipato dibattito sui social network dove la donna ha segnalato il suo disservizio.

Il post di denuncia:

Dunque … mio figlio di 14 anni si è rotto un polso il 22 luglio, quando era in vacanza in Puglia… ovviamente è stato ingessato sul posto ed il 20 agosto dovrebbe togliere il gesso.

Al Santobono non glielo possono togliere perché ha 14 anni già compiuti.

All’ASL Distr. 27 di ns. appartenenza non glielo possono togliere perché l’unico medico che lo faceva è andato in pensione e chi lo ha sostituito non toglie gessi, mentre presso altri distretti è possibile toglierglielo non prima di ottobre… quindi devi avere la palla di cristallo e prevedere quando ti rompi un osso prima di prenotare!

Al Cardarelli non glielo possono togliere perché non è stato ingessato al Pronto Soccorso del Cardarelli.

Al Fatebenefratelli non glielo possono togliere prima di ottobre … quindi devi saper leggere i tarocchi e prevedere quando ti rompi un osso prima di prenotare!

Al CTO non glielo possono togliere perché non è stato ingessato al Pronto Soccorso del CTO.

Al Monaldi ed al Cotugno non fanno rimozione gessi.

Al Policlinico Nuovo non rispondono a nessuno dei numeri di telefono del CUP.

Al San Paolo bisogna andare di persona allo sportello del CUP perché per telefono non mi hanno saputo dire.

All’Ospedale del Mare devo ritentare domani mattina per vedere se sarò più fortunata.

Al Loreto Mare devo ritentare domani mattina per vedere se sarò più fortunata.

Vincenzì (si riferisce al Presidente della Regione Vincenzo De Luca, ndr) ma la sanità campana non era tra le prime eccellenze d’Europa?

Che dite?… per togliergli il gesso lo rimando in vacanza in Puglia o glielo tolgo io?… accetto suggerimenti.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.