“Sono stati registrati 9 casi positivi, tutti asintomatici, tra gli addetti del reparto di Ginecologia e ostetricia dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza”. Lo ha fatto sapere il dipartimento Politiche della persona della Regione Basilicata con un comunicato. Il focolaio, secondo quanto riporta la nota, non sarebbe partito all’interno della struttura. A causare il cluster un evento “privato” al quale avrebbero partecipato “diversi addetti del reparto, non osservando le necessarie misure di sicurezza”.

Pubblicato da Giunta Regionale di Basilicata su Giovedì 15 ottobre 2020

Il reparto di Ginecologia e ostetricia dell’ospedale San Carlo è regolarmente aperto e sono garantite tutte le misure di sicurezza “così come è stato fatto finora”. Nello stesso comunicato si coglie l’occasione “per ricordare che l’unico mezzo per contrastare la diffusione e il contagio del virus Covid-19 sono il rispetto delle prescrizioni di contenimento: utilizzare la mascherina, mantenere il distanziamento, evitare gli assembramenti e lavare con frequenza le mani”.

LA SITUAZIONE – La Regione ha fatto sapere che oggi i nuovi positivi al coronavirus sono 48. Undici di questi sono pugliesi, i cui test sono stati processati in Basilicata. Nel bollettino non rientrano tuttavia i 9 casi di positività riscontrati proprio nel reparto di Ginecologia dell’ospedale del San Carlo di Potenza. I ricoverati nelle strutture sanitarie sono 36. Dall’inizio dell’emergenza sono stati 37 i morti per via del coronavirus in Basilicata. Non ci sono ricoverati in terapia intensiva, secondo il bollettino del ministero della Salute del 14 ottobre. Nello stesso resoconto risultavano 504 gli attualmente positivi nella Regione.