L’accordo raggiunto al Consiglio europeo di Bruxelles sul Recovery Fund fa bene all’indice di gradimento del governo Conte, mai così in alto secondo l’ultimo sondaggio realizzato da Ipsos di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera. Altro punto chiave del sondaggio è la crescita fortissima nell’ultimo mese di Fratelli d’Italia, col partito di Giorgia Meloni che sale fino al 18% e dista ormai solo 5 punti dagli ‘avversari interni’ della Lega.

IL VOTO AI PARTITI – Guardando al dato generale dei partiti, prosegue il momento negativo del Carroccio: Salvini e soci restano il primo partito ma scendono al 23,1%, in calo di quasi un punto. Non ne approfitta il Partito Democratico, a sua volta entrato in un spirale negativa da alcuni mesi, che si attesta al 19,6% (-0,8%). Recupera sugli alleati di governo il Movimento 5 Stelle, che per Ipsos arriva ad incalzare i Dem col suo 18,9% (+0,9%), ormai sotto il punto di distacco dal Pd.

Il passo in avanti più importante lo fa, come detto, Fratelli d’Italia. In un mese il partito di Giorgia Meloni passa dal 16,3% al 18%, guadagnando quasi due punti nell’ambito del centrodestra. Proprio nell’opposizione va segnalato il calo dello 0,3% di Forza Italia, che si attesta ora al 6.9%.

Tra le forze ‘minori’ Sinistra Italiana/Leu risale dello 0,6% sfiorando quota tre, mentre è un pareggio quello tra Azione di Carlo Calenda e Italia Viva di Matteo Renzi, entrambi al 2,5%. Un dato che si fa ancora più interessante considerato la legge elettorale ‘Germanicum’ in discussione alla Camera, basata su un sistema proporzionale che potrebbe prevedere una soglia di sbarramento pari al 3%.

IL GRADIMENTO DI GOVERNO E PREMIER – L’accordo raggiunto in Europa sul Next Generation EU porta benefici all’indice di gradimento dell’esecutivo, che fa segnare un aumento di 4 punti, passando da 57 a 61, il livello più elevato del Conte II. Anche il premier può vantare un nuovo rimbalzo in avanti, il suo indice di gradimento passa infatti da 63 a 65, avvicinando