Attimi di paura durante la conferenza sull’emergenza coronavirus da parte di Donald Trump. Il presidente Usa è rientrato nella briefing room della Casa Bianca dopo essere stato scortato fuori da un agente del Secret service. Al rientro ha spiegato che c’è stata una sparatoria fuori dalla Casa Bianca e che ora è sotto controllo.

E’ successo poco prima delle sei di pomeriggio (mezzanotte in Italia, ndr). Un minuto dopo e’ arrivata la notizia che il presidente era stato condotto via per motivi di sicurezza e che tutto l’edificio era entrato in “lockdown”: nessuno poteva entrare o uscire.

Secondo quanto ricostruito, una persona armata è stata colpita al petto dai Servizi di sicurezza e trasferita d’urgenza in ospedale. “Non so chi fosse ma non è riuscito a entrare”, ha spiegato Trump. L’incidente è avvenuto all’angolo tra la 17th Street e Pennsylvania Avenue, fuori dalla Casa Bianca, vicino a Lafayette Park.

Trump ha poi ripreso la conferenza dopo circa un quarto d’ora annunciando che il vaccino per il coronavirus sarà pronto con ogni probabilità “entro la fine dell’anno” e verrà distribuito dai militari.

Per il presidente americano le scuole “devono aprire perché i bambini non vengono contagiati facilmente dal coronavirus” per poi sottolineare che sta “lavorando con l’Europa sulla tempistica della rimozione delle restrizioni sui viaggi” legate al coronavirus.