Nuovo appello al Governo da parte del presidente della regione Campania Vincenzo De Luca. Dopo l’aumento dei casi di coronavirus in Campania (ieri sono stati registrati 22 positivi), il governatore chiede maggiori controlli per chi arriva o torna dall’estero.

“Abbiamo verificato, negli ultimi giorni, che l’80 per cento dei contagi registrati deriva da contatti con cittadini provenienti o rientranti dall’estero. E’ indispensabile sottoporre quanti arrivano o rientrano dall’estero all’obbligo di quarantena in relazione ai voli provenienti da Paesi a rischio“. Queste le parole di De Luca che aggiunge:  “Sono indispensabili il controllo della temperatura corporea ma anche test sierologici, e una stretta rigorosa sui controlli, altrimenti diventerà inevitabile la chiusura delle frontiere. L’invito ai cittadini è di rispettare rigorosamente le misure di precauzione e prevenzione previste, senza le quali va evitato di avere contatti con quanti, anche familiari, rientrano da viaggi all’estero”.

TEST PER RIENTRO A SCUOLA – “Strutture sanitarie regionali saranno impegnate a test molecolari per chi risultasse positivo ai test sierologici del governo. Partiremo dall’ultima settimana di agosto. Stiamo acquistando le mascherine per ragazzi delle superiori. Mascherine e test e tamponi, le uniche due cose possibili”.

SCENDE L’ETA’ MEDIA – A rilanciare l’allarme di De Luca, che la scorsa settimana ha sottolineato come il virus colpisce anche i giovani, è il governatore del Veneto Luca Zaia. “A confronto coi mesi scorsi, la percentuale dei giovani rispetto agli adulti si è capovolta per questo faccio appello ai ragazzi: attenzione agli assembramenti”.

BOOM DI CONTAGI AL RIENTRO DALL’ESTERO – “Non sto dicendo di non andare in Croazia, Spagna, Grecia, Romania o a Malta- afferma il governatore- non mi permetterei mai di dire questo. Ma se ci vai, sappi che lì rischi di più anche se intorno l’ambiente dà un senso di maggiore tranquillità”. Quindi “attenzione ai ragazzi soprattutto nella settimana di Ferragosto, che è la settimana dell’euforia e delle notti in spiaggia. Attenzione agli assembramenti, non abbassiamo la guardia”.