Svolta nel giallo della scomparsa di Sabrina Beccalli di Crema, della quale non si hanno più notizie da quattro giorni. I carabinieri di Cremona hanno fermato un uomo per omicidio e distruzione di cadavere.

Nella tarda serata di ieri, sulla base di elementi investigativi prodotti dal Nucleo investigativo del Comando provinciale carabinieri di Cremona e del Norm della Compagnia carabinieri di Crema, il procuratore capo di Cremona Roberto Pellicano ha disposto il fermo di indiziato di delitto di una persona che è stata associata alla casa circondariale di Cremona. I reati contestati sono omicidio e distruzione di cadavere

Al momento l’uomo, alla guida della Fiat Panda trovata carbonizzata con all’interno il corpo di un cane (non di proprietà della donna), non ha fornito indicazioni per il ritrovamento della 39enne, avvalendosi della facoltà di non rispondere. Decisive per il fermo dell’uomo le immagini della telecamera che lo hanno ripreso al volante della vettura.

A spingere gli inquirenti verso la pista dell’omicidio erano state le sorelle di Sabrina: la donna era infatti serena dopo aver appena trovato un lavoro, una situazione familiare (la donna ha un figlio di 15 anni) difficilmente compatibile con un gesto estremo.