L’ultimo colpo di coda, forse, di Donald Trump. Il presidente uscente degli Stati Uniti ha annunciato via Twitter di aver concesso la grazia a Michael Flynn, suo ex consigliere per la sicurezza nazionale coinvolto nello scandalo Russiagate.

È mio grande onore annunciare che al generale Michael T. Flynn è stato concesso il completo perdono. Congratulazioni a Flynn e alla sua meravigliosa famiglia, so che ora passerai un Ringraziamento davvero fantastico!”, ha scritto il tycoon su Twitter. L’ex consigliere si era dichiarato colpevole per aver mentito all’Fbi sui suoi contatti con la Russia. 

La grazia per Flynn farebbe parte di una serie di provvedimenti analoghi che Trump vorrebbe emettere fino a quando lascerà l’incarico.

Già nei mesi scorsi il Dipartimento di giustizia americano aveva lasciato cadere le accuse nei confronti di Flynn, portate avanti dal procuratore speciale Robert Mueller, nonostante l’ex consigliere alla sicurezza nazionale si fosse dichiarato colpevole di aver mentito all’Fbi. Una decisione arrivata dopo che Donald Trump aveva detto di considerare la grazia per il suo ex consigliere.

(calcagni) Napoletano, classe 1987, laureato in Lettere: vive di politica e basket.