Triste epilogo per Valerio Duro, il 17enne romano scomparso domenica mattina. Il suo corpo senza vita è stato trovato nella serata di ieri, alle ore 22, dalle forze dell’ordine insieme alla protezione civile sotto al ponte di Ariccia, in una zona impervia coperta da fitta vegetazione.

Le ricerche

Le ricerche di Valerio erano partite dopo la denuncia dei genitori, preoccupati per il figlio che aveva fatto perdere le tracce di sé da domenica scorsa, quando è uscito di casa in zona Cinecittà non facendovi più ritorno. I Carabinieri del Quadraro, giunti ad Ariccia tramite un rilevatore satellitare che ha rintracciato la cella telefonica del cellulare di Valerio, hanno trovato il corpo privo di vita del ragazzo, in via della Polveriera, nel comune alle porte di Roma.

Secondo i primi accertamenti, Valerio è precipatato dal ponte, subito dopo essere arrivato ad Ariccia con il bus domenica mattina. La salma è stata trasportata all’istituto di medicina legale per l’autopsia. Probabilmente quello del ragazzo è stato un gesto volontario e intenzionale: il giovane sembra che da alcune settimane soffrisse di depressione.

Le ore precedenti

Come raccontato dai genitori di Valerio ai carabinieri, il ragazzo, la sera prima della sua scomparsa, ha partecipato a una festa con amici in zona Cinecittà. Il mattino seguente, ha fatto perdere le sue tracce: è arrivato Castelli Romani con il bus Cotral e ha deciso di lanciarsi dal ponte. Gli inquirenti sono al lavoro per capire cosa abbia spinto il giovane al tragico gesto.

 

Redazione