È arrivato al pronto soccorso con una ferita d’arma da fuoco al ginocchio. Un ragazzo di 20 anni, la scorsa notte, è stato vittima di un agguato a Napoli. Presso il pronto soccorso dell’Ospedale CTO sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia Vomero per il caso del raid in piena notte.

L’agguato, secondo quanto riferito dalla vittima, si sarebbe verificato a Sant’Antimo, comune nell’area nord di Napoli. Il 20enne si chiama Fabio Contino, riporta Il Mattino, già noto alle forze dell’ordine per piccoli precedenti di droga. È di Scampia, quartiere nell’area nord del capoluogo campano. Non avrebbe specificato con precisione in quale località di Sant’Antimo è rimasto ferito nell’agguato.

La ferita da arma da fuoco al ginocchio destro. Il giovane non è in pericolo di vita. Si è presentato al Pronto Soccorso autonomamente. Ha raccontato di essere stato vittima di un tentativo di rapina da parte di ignoti. In corso le indagini dei militari per accertare le dinamiche dell’agguato.

A inizio novembre, a Secondigliano, sempre nell’area nord di Napoli, un 19enne, Luigi Giuseppe Fiorillo, era stato ucciso all’esterno di un circoletto in via Cupa Vicinale dell’Arco. Almeno 10 i colpi di arma da fuoco esplosi, a distanza ravvicinata, da una pistola presumibilmente semi-automoatica che hanno trucidato il giovane. Inutili i soccorsi, niente da fare per i sanitari intervenuti sul posto. Fiorillo era stato arrestato in passato per spaccio. La zona dell’omicidio è definita feudo del clan Di Lauro.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.