Si continua a sparare, e a morire, a Napoli. Un 19enne, Luigi Giuseppe Fiorillo, è morto la scorsa notte vittima di un agguato all’esterno di un circoletto di via cupa vicinale dell’Arco, nel quartiere di Secondigliano.

La giovanissima vittima è stato attinto da almeno 10 colpi d’arma da fuoco, probabilmente una pistola semi-automatica calibro 7.65, sparati dal commando killer: i proiettili lo avrebbero raggiunto all’altezza dell’addome da distanza ravvicinata.

Fiorillo è morto praticamente sul colpo nell’agguato avvenuto intorno alle mezzanotte. Sul posto sono intervenuti i soccorsi del 118, purtroppo vani, e gli agenti della Squadra mobile di Napoli per i primi rilievi e avviare le indagini. 

La vittima era un pregiudicato, arrestato in passato per spaccio, ma al momento non sono emerse conferme su legami con ambienti della criminalità organizzata.

Un omicidio, quello avvenuto nella notte a Secondigliano, che arriva a pochi giorni di distanza dall’ennesimo fatto di sangue in città. Soltanto lo scorso 5 ottobre infatti a Ponticelli era stato ucciso un giovane di 23 anni, Carmine D’Onofrio, centrato da più colpi d’arma da fuoco mentre passeggiava in strada assieme alla compagna incinta.

(in aggiornamento)  

Redazione