È stata respinta dal tribunale della procura di Mansoura, in Egitto, la richiesta di scarcerazione presentata in Appello dagli avvocati difensori di Patrick George Zaky, il ricercatore di 27 anni arrestato a Il Cairo lo scorso 8 febbraio, di ritorno da Bologna, dove e’ iscritto al master ‘Gemma’ dell’Universita’ Alma Mater.

Il giovane egiziano è accusato di diversi reati, tra i quali diffusione di notizie false, incitamento alla protesta e turbamento della stabilita’ delle istituzioni. Per questo la scorsa settimana era stata posto in custodia cautelare per 15 giorni, un provvedimento che “può durare fino a due anni, rinnovata ogni 15 giorni, e talvolta tale detenzione può protrarsi per più di due anni”, aveva spiegato Wael Ghaly, uno dei legali che lo difendono.

Zaky tornerà in aula sabato 22 febbraio per l’udienza sulle accuse che gli vengono contestate.

“Secondo il mandato di arresto, è stato arrestato a causa di dieci post del suo account personale su Facebook che risalgono a prima del 23 settembre”, aveva detto il suo legale all’Ansa nei giorni scorsi. “Noi, i suoi avvocati, finora non li abbiamo visti e la Sicurezza non ce li mostrerà”, aveva aggiunto. “È un account fake in quanto porta tre nomi” (quello proprio e due patronimici) “mentre il suo account ha solo nome e cognome”, ha sostenuto ancora il legale, attivo anche per l’organizzazione non-governativa Eipr (Egyptian Initiative for Personal Rights), riferendo quanto sostenuto dal giovane. “Mi aspetto un cambio di trattamento. In questo processo interverrà la politica a causa di questo interesse senza precedenti dei media. Vedremo nei prossimi giorni” aggiunge il legale.

Commentando all’Ansa la decisione dei giudici, il portavoce di Amnesty International Italia Riccardo Noury ammette che “c’è delusione, avevamo sperato in un’esito diverso. C’erano segnali che potesse andare diversamente: un’aula piena di giornalisti, internazionali e egiziani, di diplomatici, italiani inclusi. Ma non è servito a nulla”. Adesso però Amnesty ripartirà “con una campagna ancora più forte, più viva”, in vista dell’udienza del 22, in cui si deciderà se rinnovare la detenzione preventiva di Zaky, per arrivarci “ancora più determinati”.