Con la Francia, e con altri Paesi dell’Ue, “condividiamo la necessità” che un accordo sull’Mff 2021-27 e sul Recovery Plan “sia finalizzato al più presto”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con il presidente francese Emmanuel Macron a Bruxelles, in vista del Consiglio Europeo di domani. “È complicato – ha aggiunto il premier – non l’ho mai voluto nascondere, perché siamo 27 capi di Stato e di governo. Ci sono differenti sensibilità, ma sicuramente noi condividiamo, con la Francia”, la necessità “di afferrare la dimensione politica” del Recovery Plan.

L’incontro è durato circa un’ora. Un vertice alla vigilia del Consiglio Europeo che si terrà nella mattina di venerdì. “Con Macron si dall’inizio di questo percorso, a partire dalla lettera dei nove, ci siamo trovati fianco a fianco. Quella di stasera è stata un’occasione di scambiarci i punti di vista, esaminare lo stato dell’arte e anche per affinare le previsioni e le strategie per domani”. Prima dell’incontro Conte aveva anticipato l’appuntamento come “una partita fondamentale per il futuro dell’Europa e dei nostri cittadini. Dobbiamo approvare al più presto il Recovery Fund e il Quadro Finanziario Pluriennale. Le nuove risorse ci consentiranno di investire nelle infrastrutture, nella digitalizzazione e di perseguire il rilancio economico e sociale di cui il nostro Paese ha bisogno”.

“Non è partita contabile, la posta in gioco è l’Europa, non solo una pronta ripresa ma la leadership e la competitività dell’Unione europea nel mondo globale”, ha aggiunto il presidente del Consiglio che si è detto comunque ottimista.

La richiesta dell’Olanda di far approvare all’unanimità il piano di ciascun Paase che vuole accedere al “Next generation Ue’ “non mi pare in linea con le regole europee”, ha lamentato Conte chiosando: “Se affrontiamo la questione a livello politico, e non solo economico, troveremo una soluzione. Se noi pensiamo che stiamo a discutere di qualche milione in più o in meno perderemo la sfida globale con la Cina e gli Stati Uniti”.

Incontro proficuo con Emmanuel Macron – ha infine tweettato Conte – in vista del Consiglio Europeo. Intesa forte per raggiungere con rapidità un accordo sulla risposta comune alla crisi del covid-19. Una risposta ambiziosa, responsabile e solidale per ricostruire le nostre economie e rafforzare il progetto europeo”.