Dall’etichetta di “figlio prediletto” della Regina Elisabetta II alla perdita di gradi, onori militari e di ogni incarico di rappresentanza in nome della Royal Family britannica. Il Principe Andrea è completamente travolto dallo scandalo del faccendiere americano Jeffrey Epstein, morto in cella a New York nel 2019, e della sua complice Ghislaine Maxwell che riguardava giovani prede sessuali a disposizione di amici ricchi e potenti. Se non bastavano le notizie di questi giorni, oggi arriva anche la nota di Buckingham Palace.

Ieri la decisione del giudice a New York di non archiviare la causa civile intentata da Veronica Giuffre, una delle vittime di Epstein, che accusava Andrea di aver abusato di lei tre volte, nel 2001, quando ancora era minorenne: aveva 17 anni. Oggi la decisione di Buckingham Palace tramite un comunicato, beve e secco, indirizzato al duca di York. Poche righe per far sapere che Andrea è stato privato dei titoli reali e militari e che d’ora in poi si difenderà “come un privato cittadino”. Il Principe resta Altezza Reale ma non potrà più fregiarsi in pubblico dell’appellativo, come Harry e Meghan.

Sarebbe stata una decisione dolorosa, presa al termine di fitti confronti nella famiglia reale, quella del comunicato. E che arriva in un momento delicato la Regina Elisabetta che quest’anno celebrerà il Giubileo di Platino: i 70 anni del Regno, i cui festeggiamenti culmineranno a giugno. La posizione di Andrea è molto complicata: era amico di vecchia data Maxwell, condannata a dicembre per adescamento e traffico di minori. Aveva rinunciato al ruolo pubblico nel 2019 e ha venduto il chalet Verbier comprato con l’ex moglie forse per far fronte alle spese legali cui la vicenda lo esporranno. Continua a sostenersi innocente e non ricorda di aver mai incontrato Giuffre. Esiste però una fotografia che li ritrae insieme.

Il giudice Lewis Kaplan non ha accolto le argomentazioni degli avvocati del terzogenito della Regina secondo i quali l’accordo per risarcimento danni del 2009 tra il Epstein e Giuffre vincolava la donna al silenzio – una clausola da 500mila dollari per non denunciare altri “possibili imputati”. Nessun patteggiamento, ha fatto sapere il legale di Giuffre. Anche il Principe secondo la BBC ha intenzione di continuare a difendersi. L’ex moglie del Principe, Sarah Ferguson, ancora duchessa di York, e la figlia Beatrice, che potrebbero essere entrambe interrogate.

Tutta la vicenda è un macigno sulla famiglia reale e britannica e rischia di intaccare i rapporti tra Regno Unito e Stati Uniti. La richiesta di interrogare Andrea dell’Fbi sarebbe stata insabbiata per due anni. L’imputato Windsor, 61 anni, si sarebbe detto cosciente del fatto che il processo sarà “una maratona, non uno sprint”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Royal Family (@theroyalfamily)

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.