Sarà Bjorn Kuipers l’arbitro della finale di Euro 2020, che andrà in scena allo stadio di Wembley a Londra, domenica 11 luglio. Una partita per niente facile, considerate anche le polemiche che hanno riguardato in particolare la semifinale tra Inghilterra e Danimarca. Kuipers ha già arbitrato in questa competizione tre gare. Gli assistenti saranno i connazionali Sander Van Roekel ed Edwin Zeinstra. Quarto uomo lo spagnolo Carlos Del Cerro Grande. Alla Var designato il tedesco Bastian Dankert, con assistenti l’olandese Pol Van Boekel e i tedeschi Christian Gittelmann e Marco Fritz.

Kuipers, 48 anni, ha già diretto quattro volte gli azzurri. È nato nel piccolo comune di Oldenzaal e ha cominciato ad arbitrare a 16 anni. Laureato in business administration, è diventato uno degli arbitrati più ricchi, se non il più ricco, al mondo: è infatti proprietario della catena C100 di supermercati e di una bottega da barbiere. Il suo patrimonio ammonta a 12 milioni di euro. L’esordio in Eredivise, prima categoria olandese, nel 2010. Curiosità: in due match da lui arbitrati, Ajax-Psv e Italia Uruguay, Luis Suarez morse un avversario – tra cui lo juventino e capitano attuale della Nazionale Giorgio Chiellini.

L’ultima volta che ha arbitrato gli azzurri è stato al Mondiale del 2014 in Brasile, proprio contro l’Inghilterra. La partita finì 2 a 1 per gli Azzurri. Goal di Marchisio e Balotelli. Gli altri precedenti: un pareggio con la Croazia e due sconfitte con Francia e Spagna. Tre i precedenti con l’Inghilterra: quello già citato e due vittorie degli inglesi su Svezia e Polonia.

Kuipers arbitrato le tre finali di competizioni continentali per club più importanti: la Champions League, l’Europa League e la Supercoppa europea. Un record che detiene con lo svizzero Massimo Busacca. Ha arbitrato anche la finale di Confederation Cup nel 2013 e quarto uomo alla finale di Coppa del Mondo del 2018 Francia-Croazia. Domenica diventerà il primo olandese a dirigere la finale di un Europeo.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.