Matilda De Angelis è l’ospite speciale della prima serata del Festival di Sanremo. Attrice, classe 1995, arriva all’Ariston fresca fresca del successo di due produzioni come il film L’isola delle Rose e la serie tv The Undoing. È considerata uno dei volti più promettenti del panorama italiano, tra i più spendibili anche a livello internazionale. È anche musicista: in passato ha fatto parte della band Rumba de bodas con la quale ha girato l’Europa.

Anche il fratello Tobia è attore. È nata e cresciuta a Bologna, ha studiato al liceo scientifico Enrico Fermi. Ha cominciato molto giovane a suonare e a scrivere canzoni sue. Con i Rumba de bodas ha inciso un album, Karnaval Fou, del 2014. Un’amica “per un caso piuttosto incredibile aveva saputo che i Rumba de Bodas, gruppo noto nel bolognese, cercavano una cantante e aveva fatto il mio nome: mi hanno chiamata, ho fatto il provino e sono stata con loro per cinque anni. Suonavamo per tutta Europa, scegliendo noi il tragitto dei viaggi – ha raccontato al Corriere della SeraSe dovevamo andare in Scozia decidevamo di volta in volta dove fermarci. Ma non era sempre semplice trovare ospitalità per otto musicisti italiani, così avevamo le tende e le buttavamo dove capitava: ho dormito nei parcheggi degli Autogrill, per strada, a casa di sconosciuti, nei parchi con la polizia che ci veniva a svegliare. Tutte cose piuttosto strane, in effetti”.

Un’adolescenza spericolata: quando partiva lasciava spesso a casa il cellulare. Ha detto di non essere cosciente del tutto di come sia arrivata al successo: da giovane suonava, faceva ginnastica, sport. Il cinema è arrivato un po’ per caso, nessuna scuola di recitazione. Si presenta a un provino e viene scritturata nel 2014 per Veloce come il vento dal regista Matteo Rovere, al fianco di Stefano Accorsi. Una prova che la candida al David di Donatello e al Taormina Festival come miglior rivelazione.

Poi sono arrivate la serie tv Tutto può succedere, Youtopia di Berardo Carboni, Una vita spericolata di Marco Ponti, L’incredibile storia dell’isola delle rose di Sydney Sibilla e The Undoing con Nicole Kidman e Hugh Grant. Ha partecipato a videoclip musicali per i Negramaro e i Thegiornalisti. È diventata anche icona della skin positivity dopo essersi scattata una foto nella quale mostrava il viso infiammato dall’acne.

“Se dovessi propormi in linea con la mia adolescenza dovrei presentarmi a piedi scalzi, visto che giravo così. Ma ho già fatto il saltimbanco, quelle scale le vorrei fare da principessa e vivermi quella magia senza pensare di tradire chi sono. Quanto al fondotinta, penso che lì lo metterò per forza, non so se mi faranno stare senza… si vedrà. Ma per quel giorno la mia pelle sarà già molto migliorata”, ha detto ancora al Corriere. La prima sera della 71esima edizione del Festival sarà lei ad affiancare il direttore artistico Amadeus nella conduzione.

Vito Califano