Una sola domanda di partecipazione al concorso, ma non ammissibile. Non c’è dunque nessun iscritto al concorso per sei posti da dirigente medico nella Medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza indetto dal Cardarelli di Napoli, il più grande ospedale del meridione, balzato nei giorni scorsi agli onori delle cronache proprio per il pronto soccorso superaffollato.

Il flop del concorso, per un incarico a tempo determinato di sei mesi, rinnovabile, lascia quindi il personale del pronto soccorso del Cardarelli a 43 medici, di cui 25 hanno però firmato la lettera preventiva alle dimissioni. Impossibile lavorare lì. Nei giorni scorsi l’ospedale napoletano era stato al centro di una polemica importante: corsie affollate e poco personale, una situazione che aveva portato alle dimissioni in massa di moltissimi medici. E ora, un concorso che è andato deserto. Il risultato di zero partecipanti, è solo l’ultimo episodio di un flop nella ricerca di nuovi assunti in tutti gli ospedali della città, come emerge dai dati dell’Asl Napoli 1.

Al momento, con i concorsi degli ultimi anni, sono 14 i nuovi medici in servizio nel settore in totale, a partire dal 2018. Si parte con il concorso per Medicina e Chirurgia d’Accettazione ed Urgenza (Mcau) del giugno 2018 che offriva 59 posti di lavoro e che ha avuto una partecipazione di 55 candidati, di cui solo 6, pero’ avevano il curriculum necessario e sono stati assunti. Nuovo tentativo nel 2018 quando sono stati assunti, sempre per il curriculum necessario, 4 medici del settore in un bando per 24 posti a disposizione a cui avevano aderito 30 candidati. Nel 2019 l’Asl di Napoli ha indetto un nuovo bando per provare ad assumere 50 dirigenti per Medicina e Chirurgia d’Accettazione e Urgenza. Hanno risposto 11 candidati di cui 4 specializzati e 7 ancora specializzandi e alla fine sono stati assunti in 3.

Avatar photo

Nata a Napoli il 28 settembre 1992, affascinata dal potere delle parole ha deciso, non senza incidenti di percorso, che sarebbero diventate il suo lavoro. Giornalista pubblicista segue con interesse i cambiamenti della città e i suoi protagonisti.