Dieci mesi (con pena sospesa) per l’ex comandante dei carabinieri, il generale Tullio Del Sette. E’ quanto stabilito dai giudici dell’ottava sezione collegiale del Tribunale di Roma nell’ambito di un processo-stralcio sull’inchiesta Consip.

Del Sette è accusato di rivelazione del segreto di ufficio e favoreggiamento con i giudici che hanno riconosciuto le attenuanti generiche. La Procura di Roma aveva chiesto una condanna a un anno e due mesi.

Stando all’impianto accusatorio, Del Sette nel maggio del 2016 avrebbe informato nel maggio Luigi Ferrara, all’epoca presidente di Consip, dell’esistenza di una inchiesta sul conto dell’imprenditore campano Alfredo Romeo e di essere cauto “nelle comunicazioni a mezzo telefono”.