I militari della Guardia di Finanza del Nucleo Pef hanno acquisito questa mattina documentazioni presso gli uffici di Autostrada dei Fiori spa a Torino, e presso le sedi di Milano e Savona della società Sina spa (entrambi facenti parte del Gruppo Gavio), disposte con decreto dalla procura della Repubblica di Savona

L’intervento rientra nell’ambito dell’indagine scattata a seguito del crollo del viadotto Madonna del Monte dell’autostrada A6 Torino-Savona, avvenuto lo scorso 24 novembre. Il fascicolo risulta, allo stato, iscritto a carico di ignoti.

La società Autostrada dei Fiori spa, sottolinea la guardia di finanza in una nota, è concessionaria del tratto autostradale interessato dal crollo dal 2013, mentre Sina spa si è occupata di eseguire – sempre a far data dal 2013 – le ispezioni periodiche di tutti i tratti autostradali dati in concessione al Gruppo Gavio.

LEGGI ANCHE – Disastri meteorologici: siamo l’unico Paese d’Europa a non avere una strategia

L’attività in corso è finalizzata all’acquisizione di tutta la documentazione inerente alla progettazione, realizzazione, ispezioni periodiche e alle manutenzioni del viadotto crollato; carteggio che sarà sottoposto a successiva analisi, anche alla luce delle indicazioni peritali fornite dai 3 Ctu nominati la scorsa settimana dal magistrato procedente.

Redazione