Ha strangolato la fidanzata, ha chiamato i carabinieri e poi ha provato a togliersi la vita tagliandosi le vene ma è stato soccorso dal tempestivo intervento del 118. Femminicidio a Furci Siculo, piccolo paese in provincia di Messina. A perdere la vita Lorena Quaranta, 27enne studentessa di medicina originaria di Agrigento. L’assassino è Antonio Del Prete, calabrese di Vibo Velentia, pure lui studente di medicina all’università di Messina.

Ancora non si conoscono i dettagli ma a quanto si apprende l’assassino avrebbe strangolato la donna al termine di una lite e poi avrebbe avvertito il 112. Poco dopo ha poi tentato il suicidio con un coltello ma è stato soccorso e non è in pericolo di vita. La tragedia si sarebbe consumata in un appartamento in via delle Mimose, a Furci Siculo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione di Santa Teresa di Riva e il medico legale. La Procura di Messina ha aperto una inchiesta coordinata dal Procuratore Maurizio de Lucia.

E’ un dramma nel dramma – dice il sindaco di Furci Siculo, Matteo Francilia, all’AdnkrnosStamattina ci siamo svegliati con la notizia di questa tragedia. Siamo sconvolti, la nostra comunità è da sempre in prima linea nel contrasto alla violenza di genere, abbiamo anche istituito un centro di ascolto. Chi si macchia di simili gesti deve marcire in galera”.